«Mia carissima Noretta…»

lettera moroQuesta è una delle lettere che Aldo Moro fece arrivare alla moglie Eleonora Chiavarelli, che chiamava Noretta, durante i 55 giorni in cui fu sequestrato dalle Brigate rosse. E poi ucciso.

Oggi, 9 maggio, a 35 anni di distanza, le autorità e i media ricordano con ridondante ipocrisia il ritrovamento del cadavere in via Caetani, a Roma, di quello che era stato il presidente della Democrazia Cristiana. Noi lo facciamo riproponendo questo documento e il lancio Ansa del 19 luglio 2010 sulla morte di Eleonora Chiavarelli Moro, sottolineando le parole di padre Carlo Rossi durante la funzione religiosa: «Con la morte di Moro è iniziata quella esplosione del male che ha portato all’imbarbarimento».

La lettera di Moro alla moglie è tratta dall’inchiesta di Leonardo Sciascia L’affaire Moro nell’edizione Club del libro 1982.
(Paola Ciccioli)

«E’ morta Eleonora, la vedova di Aldo Moro». Ansa.it – 19 luglio 2010 – cronaca 20,50

Eleonora Chiavarelli Moro

TORRITA TIBERINA (ROMA) – E’ morta Eleonora Moro, la vedova di Aldo Moro, lo statista democristiano ucciso dalle Brigate rosse. Aveva quasi 95 anni.

Anche questa volta la bara è stata portata a spalla negli angusti vicoli del paese, lungo via Aldo Moro e sotto una scrosciante pioggia, come accadde per il marito nel maggio del 1978. Eleonora Moro ha chiuso il suo “viaggio terreno” scegliendo di “presentarsi al signore” nella stessa cittadina a pochi chilometri da Roma. Nessuna autorità, nessun politico, un solo nastro tricolore, quello che addobbava la corona di alloro, l’unica, dell’amministrazione comunale fuori la chiesa di San Tommaso Apostolo. Solo gli abitanti di Torrita con i volti che si possono vedere a qualsiasi funerale di un paese. I tre figli in prima fila (mancava solo Maria Fida e il figlio Luca) molti amici, un caldo opprimente e due carabinieri. Null’altro per dare l’ultimo saluto alla moglie di Aldo Moro. Nel silenzio è risuonata la voce del vescovo di Civita Castellana, padre Carlo Rossi, già parroco di “frontiera” a Roma, nella chiesa Nostra Signora di Coromoto, allievo di Dossetti. “Con la morte di Aldo Moro – ha detto il vescovo – è iniziata quella “esplosione del male” che ha portato all’imbarbarimento. Oggi è “l’epoca di Ponzio Pilato. Soprattutto per una certa “vasta generazione” che ha creduto che lo sforzo dell’uomo di buona volontà portasse ad un avanzamento. Oggi è il momento della sconfitta, del Golgota, della croce.

Oggi Eleonora Moro, con la scelta coerente di far celebrare i suoi funerali in questa piccola cittadina che è, come il Calvario di Gerusalemme, fuori le mura di una grande città, ci indica che solo passando da questa via si può operare per un futuro diverso”. In prima fila c’erano le suore di clausura di Civitella. La vecchia badessa, Madre Francesca, è stata compagna di scuola di Eleonora Moro e questo legame si è prolungato nel tempo. “Oggi – ha sottolineato il vescovo in un silenzio assoluto – Eleonora Moro conosce quei segreti e quei misteri che ha inseguito per tutta la sua vita dalla morte di suo marito. Oggi li conosce compiutamente: sa”. Il vescovo di Civita Castellana (nel piccolo coro della chiesa c’era anche il sindaco di Torrita Tiberina) ha paragonato la morte di Moro allo “scricchiolio determinato in chi aveva creduto che la sua volontà di fare del bene fosse sufficiente. Noi non avevamo fatto i conti, non avevamo pensato che ci potesse essere un colpo di coda del maligno così determinante. Per tutto questo la vita della signora Moro, segnata dalla croce ma anche illuminata da una fede che l’ha fatta essere una vera roccia angolare in una famiglia non è incompiuta”. Al termine della messa funebre è intervenuto il vice sindaco di Torrita che ha portato il saluto dell’amministrazione comunale. La bara di Eleonora Moro ha abbandonato la chiesa riattraversando per l’ultima volta la strettissima via principale della città, per essere trasportata nella tomba di famiglia dove riposa il presidente della Dc.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

#SFF2016

4/5/6 novembre 2016 - Chiostro "Nina Vinchi" - Piccolo Teatro Grassi - Milano

Donne della realta's Blog

Dove sono finite le donne che lavorano, che studiano, che coltivano i sogni con la fatica, che cercano di non piegarsi alla precarietà?

unaeccezione

... avessi più tempo sbaglierei con più calma.

agoradellavoro

Per incontrarsi, ribellarsi, progettare. Accade a Milano

blogcartebollate

il blog di CarteBollate

il ricciocorno schiattoso

ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

Impariamo la Costituzione

un articolo a settimana

Rage against the world

Noi vogliamo uguaglianza con ogni mezzo necessario

dubbi(e)verità

Dubbi e verità o Dubbie verità?

slanthings

we live in an age when unnecessary things are our only necessities

the POP CORNERS

Pop corn d'angolo

Se Non Ora Quando Milano

Se non le donne chi?

RIHLA SAIDA

photoblog of a restless wanderer

Libreria delle Donne Bologna

"C'è tutto ciò che c'è quando ha tutto ciò che ha dove c'è quello che c'è" (G. Stein)

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

giustizia mediazione civile

giustizia e mediazione civile

cronichlesofmari

the open diary of mari key

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: