Le lettere che arrivano all’anima come un coltello

di Simona Zucconi

Yair e Myriam, un uomo e una donna che attraverso una corrispondenza epistolare si ritrovano a scoprire una sensualità nuova, quella capacità in grado di toccare le reciproche anime senza vivere un rapporto fatto di fisicità e quotidianità.

In una lettera Yair scrive a Myriam…

«Non fraintendermi, non sto parlando di  una nudità erotica, ma di un altro tipo, di fronte alla quale è quasi impossibile non rimanere turbato e cercare rifugio negli abiti».

Credo che in questo pensiero sia racchiusa la sua personalità: un’anima capace di grandi slanci che brama il desiderio di farsi toccare attraverso la forza delle parole e della più sfrenata fantasia, a volte impudica, altre no. In Yair c’è  un potenziale affettivo nascosto anche a lui e desidera  fortemente donarsi a Myriam, mettendosi a nudo completamente.

Credo che fin dal titolo, Che tu sia per me il coltello, l’autore David Grossman voglia esprimere il desiderio di Yair che sia proprio Myriam a condurlo a guardarsi nel profondo senza reticenze, a una nuova apertura dell’anima appunto. L’immagine forte del coltello è significativa dello sforzo e del grande impegno che ci vuole a superare le paure per riuscire a guardarsi dentro con uno spirito nuovo non necessariamente migliore ma vivo, fatto di pulsioni, di battiti d’animo che rendono estenuante anche l’attesa di una nuova lettera, quando quest’ultima è l’unico modo per appartenersi in piena libertà. Yair incapace di guardarsi nel profondo vuole sia Myriam a condurlo  verso nuove realtà.

Myriam in una lettera di risposta a Yair scrive…

«La vita è lunga e voglio raccontare di me stessa, raccontare quello che probabilmente nessuno mi racconterà mai. La mia storia. Scrivere senza pretendere nulla.  Scrivere solo la mia voce».

 *Qui le recensioni personalissime (così le vogliamo!) della stessa autrice.

 

Annunci

3 thoughts on “Le lettere che arrivano all’anima come un coltello

  1. Ho letto “Che tu sia per me il coltello” una quindicina di anni fa, in un momento cruciale di una relazione sentimentale, ed è stato folgorante. Mi hanno colpito la forza e il potere evocativo delle parole capaci di creare un’intimità profonda e assoluta, un’intensità vibrante tra due persone che non si incontrano ma riescono a spogliarsi completamente di remore e di luoghi lasciando fluire liberamente le idee, raccontando senza freni sogni, fatti dolorosi, episodi buffi, vita quotidiana. Come dice la presentazione del libro scritta nella sovraccoperta, questo libro mi ha aiutata a vincere la paura per arrivare a toccare con pienezza, dopo il corpo, anche l’anima di un altro essere umano.

    Mi piace

  2. Scrivere come leggere per accrescere le nostre conoscenze, arricchisce sempre l’anima, il potere della parola è infinito che siano parole messe in musica, un bel testo o lettere scritte e mai spedite o semplicemente, raccontarsi tenendo un diario, il giovamento che ne deriva non può essere che benefico.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...