Da Lorella Zanardo: “Milano 2011”

Mi scrive stamane una lettrice milanese che la città deve cambiare, che ce la dobbiamo riprendere, che serve un segnale forte. Bene, la prendo in parola.

Chiedo cortesemente al Sindaco Pisapia e ai suoi assessori e assessore che provvedano a rimuovere il manifesto che qui vedete e che ha letteralmente invaso la città. Ieri ad un incrocio c’era un gruppo di ragazzini, direi sui 12 anni, tutti a testa in su a guardare la “patonza”, come ci insegna il Premier, della signorina. Più in là le loro compagne attendevano.
Roma, Firenze e molte altre città si sono già espresse contro le pubblicità mortificanti che infestano i muri delle città, vogliamo adeguarci? Continua a leggere

Annunci

Donne in scatola. “Occhi di maschio: le donne e la televisione”

Martedì 4 ottobre 2011 alle ore 20.30 al Circolo della Stampa di Milano, in corso Venezia 48

DONNE IN SCATOLA 

ovvero le donne che fanno la televisione e la televisione che usa e consuma le donne

Un confronto coordinato da Marina Cosi (Nuova Informazione) e Assunta Sarlo (Usciamo dal silenzio) con interventi di: Daniela Brancati, autrice di “Occhi di maschio; le donne e la televisione in Italia”; Massimo Bernardini, TvTalk (Rai3), Maria Silvia SacchiLa 27sima ora/Corriere della Sera; Maxia Zandonai, conduttrice TgR Rai; Guido Besana, Mediaset Continua a leggere

Che Dio Santo ti benedica

“Il crocifisso di B. sui seni della Minetti”

Parla un’altra testimone delle notti di Arcore: “Lei era vestita da suora, poi il premier ha preso la croce di legno e lo ha usato per benedirla. Perché a Silvio piaceva una volta al mese organizzare delle feste dedicate ai film, come Sister Act”.

A fine spettacolo si è avvicinato a Nicole e con il crocifisso in mano le ha detto: ‘Dio santo ti benedica Continua a leggere

Nasce Giulia, la rete delle Giornaliste Unite Libere Autonome

(AGI) – Roma, 28 set. – “Le donne hanno una lunga consuetudine con i bavagli, hanno dovuto lottare per conquistare il diritto a parlare e a essere rispettate come persone, a non essere trattate come oggetti: e oggi tutto cio’ viene messo in discussione. Anche per questo nasce ‘Giulia’, la Rete delle Giornaliste Unite Libere Autonome Continua a leggere

Bacio lesbico a bordo, cacciata la Hailey

La protagonista di The L Word allontanata dal personale dopo le effusioni con la compagna. E ora chiede giustizia. La compagnia aerea si difende: «Punito l’atteggiamento, non ci interessano i gusti sessuali» Continua a leggere

Pina Picerno (Pd): “Berlusconi deve andare in galera”

La parlamentare democratica ospite a “Un Giorno da Pecora” su Radio2: “Penso che se Berlusconi è colpevole, ed io penso che lo sia, lui debba andare in galera”. Un giudizio fisico al premier? “Lo trovo terribile, è il più brutto del Parlamento: basso, unto, senza capelli e col fondotinta”

Donatella Martini: «Basta con la politica fatta solo dagli uomini»

Donatella Martini Ciampella presiede DonneInQuota, Associazione nata a Milano nel 2006 dal corso “Donne, Politica e Istituzioni”, promosso dal Dipartimento per le Pari Opportunità e riproposto in più edizioni in decine di università italiane allo scopo di favorire l’ingresso delle donne in politica (http://www.donneinquota.org/info/chi-siamo)

INTERVISTA –  È la presidente di DonneInQuota, una delle Associazioni che sostengono il ricorso per sciogliere la Giunta della Lombardia. Perché c’è soltanto un’assessora.

La Regione Lombardia ha 15 assessori uomini e solo uno che è donna. Voi, per questo motivo, volete addirittura far sciogliere la Giunta Regionale. Non è una misura un po’ estrema?

Se la Giunta viola il proprio statuto, lo prevede la legge. E, per quanto riguarda la presenza – o meglio l’assenza – di donne negli organismi di governo, è già stato fatto in almeno due casi.

Altre Giunte annullate? Dove?

In Campania: il Consiglio di Stato lo scorso 28 luglio ha fatto decadere la Giunta perché c’era una sola donna. In Sardegna, ad agosto: lì di donne non ce n’era neanche una. Lo stesso è successo in una dozzina di Comuni. Compreso quello di Roma: il 26 luglio il Tar ha annullato la giunta del sindaco Gianni Alemanno, che ha dovuto rifarla.

E adesso quante assessore ci sono?

Alemanno ci ha prese in giro: ha aggiunto una sola donna, portandole a due. E infatti le associazioni locali stanno studiando un nuovo ricorso.

Lei ha detto che in Lombardia la presenza di una sola donna su 16 assessori contraddice lo statuto regionale: cosa prevede?

Non fa numeri o percentuali. Ma, all’articolo 11, intitolato “Uguaglianza tra uomini e donne. Pari opportunità”, stabilisce tra l’altro che la Regione debba “garantire e promuovere la democrazia paritaria” e che “promuove il riequilibrio tra entrambi i generi negli organi di governo della Regione” e nelle società o enti ad essa legati.

Da qui il ricorso: come sta andando?

Il primo, quello al Tar, è partito l’estate scorsa dall’associazione Articolo 51 (che è un’associazione di donne di destra), con il sostegno di altri gruppi della società civile, tra cui il nostro. Ma è stato respinto.

Con quali argomentazioni?

Assurde. Ci hanno detto che il principio è giusto, ma che abbiamo ancora tanto cammino da fare. Che vuol dire? Che siccome la politica è indietro, noi dobbiamo rimanere indietro?

E quindi?

Articolo 51 ha fatto un nuovo ricorso, stavolta al Consiglio di Stato. Noi come DonneInQuota consegneremo in questi giorni quello “a sostegno”. E siamo ottimiste.

Ottimiste? Perché?

Nel decreto di annullamento della Giunta campana da parte del Consiglio di Stato c’è scritto che la sentenza del Tar della Lombardia è sbagliata, perché “democrazia paritaria” non vuol dire una donna sola. E questo è un precedente che pesa.

Quanto ci vorrà per avere una risposta?

I tempi sono abbastanza veloci: con il Tar abbiamo avuto la sentenza dopo tre mesi.

Perché è importante che negli organi decisionali ci sia un numero adeguato di donne?

Non esiste vera democrazia se gli organi rappresentativi non sono lo specchio della composizione della società. Dove le donne sono la maggioranza. Alla Camera, però, sono solo il 21%. In Senato il 19%. Troppo poche: se non si supera la soglia del 30% non si riesce a fare la differenza, perché non si ha sufficiente peso decisionale.

Ma c’è una differenza nel modo di fare politica degli uomini e delle donne?

Il politico porta in Parlamento gli argomenti che a suo dire sono importanti. E l’esperienza di uomini e donne è diversa. Basti pensare ai problemi del nostro welfare.

Il welfare, cioè il cosiddetto stato sociale: che problemi ha in Italia?

Si basa tutto sul lavoro occulto delle donne. Siamo il Paese in Europa che investe meno nei servizi alle famiglie, nella cura dei bambini e nell’assistenza agli anziani. E poi ci si chiede perché le italiane non fanno figli.

Nel resto d’Europa la situazione è ben diversa. Perché?

Lì, a partire dagli anni’ 70, si sono mossi i partiti. E hanno iniziato a darsi un’autoregolamentazione interna.

Come mai in Italia questo non succede?

Siamo ancora un Paese maschilista. Da noi l’unico partito che ha nel suo statuto l’uguale rappresentanza tra uomini e donne è il Pd. Ma anche lì molti politici importanti non sanno niente delle questioni di genere. O le ritengono irrilevanti.

Un’obiezione all’uguaglianza di genere imposta dall’alto è: se le donne valgono, si fanno eleggere o nominare.

Non è così. Perché in Italia sono gli uomini che decidono chi candidare o nominare, e scelgono ancora i loro simili. Non capiscono che per decidere del bene comune c’è bisogno anche del punto di vista dell’altra metà del cielo. E se aspettiamo il loro cambiamento culturale, ci arriviamo tra 150 anni.

di Elena Tebano (elena.tebano@rcs.it)

da City – 28 settembre 2011

AGGIORNATO IL 16 FEBBRAIO 2018