Due psicoanaliste nell'”inferno” Scampia

Scampia, foto di Davide Cerullo

Per il ciclo di “incontri con la psicoanalisi” organizzati dalla sede di Macerata dell’ICLeS  (Istituto di Specializzazione in Psicoterapia) e da FPL  (Forum Psicoanalitico Lacaniano) in collaborazione con La Bottega del Libro

Sabato  20 aprile 2013

LACAN  A  SCAMPIA

Una psichiatria di frontiera

con Laura De Caprariis, Psichiatra ASL NA I, psicoanalista membro EPFCL, Docente ICLeS

e Antonia Imparato,  Psichiatra ASL NA I, psicoanalista membro EPFCL, Docente ICLeS

Come la psicoanalisi può orientare efficacemente il legame clinico con soggetti psicotici in un Servizio di frontiera?

Questo incontro  offre l’occasione di ascoltare la testimonianza di due colleghe impegnate nella loro pratica clinica con la sfida della psicosi in un contesto (Scampia, Le vele..) divenuto ormai tristemente famoso.

Coordina Marina Severini, psicoanalista AME -EPFCL,  Presidente FPL, Responsabile Istituto ICLeS di Macerata

Gli incontri si tengono alle ore 18.30 presso la Bottega del libro, Corso della Repubblica Macerata

Info: tel 329 3841224 icles.mc@teletu.it; http://www.icles-fpl-macerata.com/index.html

http://www.facebook.com/icles.macerata

L’ingresso e la partecipazione sono gratuiti

Il ciclo di incontri che proponiamo è un’occasione di avvicinamento alla psicoanalisi e di riflessione su alcuni temi cruciali del dibattito del nostro tempo, non solo in ambito clinico, ma culturale nel senso più vasto del termine.

La psicoanalisi è nata dall’ascolto e dal trattamento dei singoli soggetti – e di questo continua a occuparsi come pratica clinica. Ma già con Freud si è occupata in modo forte del disagio nella civiltà: per Freud, infatti, la convivenza umana è un’inevitabile fonte di malessere.

Lacan ha ripreso e modificato la tesi freudiana, ribadendo come l’attenzione alla propria epoca sia un compito irrinunciabile  per lo psicoanalista.

Questi incontri si propongono di tenere aperto il dibattito su ciò che caratterizza l’attuale disagio nella nostra civiltà, e di ripensare le forme del vivere collettivo ed individuale in una prospettiva che tuteli quanto del soggetto vi è di più prezioso, ovvero il suo desiderio, e  ciò che esso permette di umanizzazione in un legame sociale vivibile.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...