L’inviato abbronzato, «abbastanza sincero e mai troppo bugiardo»

di Stefano Benni

L’INVIATO

Visitai paesi lontani

per trovare la rabbia

ma fui sempre

un ricco tra i poveri

e tornavo a parlarne

un po’ abbronzato

Fui abbastanza sincero

e mai troppo bugiardo

ma il coraggio, quello vero

non lo trovai mai

Ora dirigo

un prestigioso giornale

i miei amici dicono

che non ho più amici

ma ho una grande

collezione

di cappelli esotici

di liquori forti

di foto di morti

«Ma se io avessi previsto tutto questo»: Andrea Di Quarto sorseggia il caffè in casa di Francesco Guccini (foto da Facebook)

«Ma se io avessi previsto tutto questo»: Andrea Di Quarto sorseggia il caffè in casa di Francesco Guccini (foto da Facebook)

*Ad Andrea che non sa, e adesso glielo dico (anzi glielo scrivo), che la fotocopia di questa poesia è tra le pagine 78 e 79 della raccolta di Stefano Benni “Prima o poi l’amore arriva”. Ci è rimasta per anni, meglio dire decenni. Mentre il giornalismo diventava sempre più abbronzato e bugiardo. Mentre, tra chi andava e restava, qualcuno lottava, amava. E sorrideva.

Auguri!

(Paola Ciccioli)

Una Risposta

  1. Mai abbronzata da inviata. Sempre tornata a casa con le scarpe consumate, dimagrita per i pasti saltati (quando lavoro mi dimentico spesso di mangiare). Molto sincera, mai nemmeno un po’ bugiarda e quando qualcosa che non era vero ho scritto si trattava di proteggere la vita e la sicurezza di persone reali di cui raccontavo, non renderli identificabili. le storie vere al 100%, anche quando smontavano l’eroismo di altri colleghi “inviati di guerra”, come quelli che raccontarono in Rai e su altri media di un attacco mai avvenuto all’Hotel Bologna di Valona, in Albania o drammatizzavano la situazione in Iraq durante la prima guerra del Golfo. Dire qualche bugie, magari non troppe per essere credibile, è una scorciatoia per il successo che ho sempre evitato. Al contrario, mi è sempre piaciuta raccontare la banalità della guerra, senza mai cercare foto di morti da portare a casa per impressionare amici e parenti. Spesso sono tornata a casa con un amico che portava da lontano, Afghanistan, India, Iraq o Pakistan, pensieri gentili (dei ricami, delle mollette per i capelli surreali, de vasi di coccio dipinti d’oro o una madonnina recuperata chissà dove nella Kabul dei talebani) per me e mia mamma. Non cadiamo nell’inganno che non ci sia un altro modo di fare giornalismo che quello delle piccole menzogne. Le piccole menzogne sono derive che portano lontano dalla verità. Meglio rimanere ignoti giornalisti, come i militi e la gente comune che soffre per la guerra, che dare ritocchi alla realtà anche se per scrivere un bel pezzo. Per me le storie che incontro sono quelle che porto a casa. Forti, belle, importanti, senza bisogno di passare dal parucchiere. Così è se vi pare.

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

#SFF2016

4/5/6 novembre 2016 - Chiostro "Nina Vinchi" - Piccolo Teatro Grassi - Milano

Donne della realta's Blog

Dove sono finite le donne che lavorano, che studiano, che coltivano i sogni con la fatica, che cercano di non piegarsi alla precarietà?

unaeccezione

... avessi più tempo sbaglierei con più calma.

agoradellavoro

Per incontrarsi, ribellarsi, progettare. Accade a Milano

blogcartebollate

il blog di CarteBollate

il ricciocorno schiattoso

ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

Impariamo la Costituzione

un articolo a settimana

Rage against the world

Noi vogliamo uguaglianza con ogni mezzo necessario

dubbi(e)verità

Dubbi e verità o Dubbie verità?

slanthings

we live in an age when unnecessary things are our only necessities

the POP CORNERS

Pop corn d'angolo

Se Non Ora Quando Milano

Se non le donne chi?

RIHLA SAIDA

photoblog of a restless wanderer

Libreria delle Donne Bologna

"C'è tutto ciò che c'è quando ha tutto ciò che ha dove c'è quello che c'è" (G. Stein)

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

giustizia mediazione civile

giustizia e mediazione civile

cronichlesofmari

the open diary of mari key

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: