Papi fa scuola nel mondo. E noi arrossiamo per lui (e per il nostro Paese)

Il premier a San Paolo: “Ho la fila di ragazze”. E la serata finisce tra “Iene” e barzellette

SAN PAOLO – Fine serata movimentato per Silvio Berlusconi a San Paolo: dopo il ricevimento con gli imprenditori italiani, il premier è stato infatti oggetto di una “imboscata” da parte delle Iene locali. Una finta giornalista ha provato ad agganciarlo all’uscita del locale, chiamandolo con un altoparlante, mentre una ragazza seminuda (subito bloccata dallo staff del Cavaliere) tentava di gettarglisi addosso. Niente da fare comunque, visto che il premier si è infilato di corsa in automobile partendo a razzo con la protezione della scorta e della polizia locale.

Durante il cocktail, di fronte a un centinaio di esponenti dell’imprenditoria italiana in Brasile,  Berlusconi si è invece lanciato in un nuovo attacco alla magistratura (“il potere che hanno certi giudici è la metastasi del sistema attuale”) e ai giornali, condito tuttavia da una serie di battute piccanti che hanno scatenato l’ilarità generale. “Sapete – ha raccontato – ormai ho una certa età e inizio a dimenticarmi le cose.

Stamattina ad esempio volevo farmi una ciulatina con una cameriera dell’albergo e questa mi ha risposto: ma presidente, l’abbiamo già fatto un’ora fa! Vedete che scherzi fa la memoria”. Lo show è proseguito più tardi: “Ho la fila di ragazze che vogliono sposarmi adesso che sono ridiventato single. E ci credo: sono simpatico, sono ricco e in più sono anche vecchio: hanno tutte la speranza che muoia presto per poi ereditare tutto! Ma io sto lavorando con Don Verzé per allungare la vita fino a 120 anni. a questo scopo ho finanziato un centro di ricerche nel cuore dell’Amazzonia, presto lo andrò a inaugurare”.
dall’inviato FRANCESCO BEI, la Repubblica – 29 giugno 2010

One thought on “Papi fa scuola nel mondo. E noi arrossiamo per lui (e per il nostro Paese)

  1. quando sarà che l’Italia uscirà da questo mare di cacca? Scusate l’eufemismo, ma non riesco più ad articolare un pensiero elaborato di fronte a quello che ci sommerge ogni giorno.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...