Nadia Urbinati: “Disobbedire, per la democrazia”

“Riportiamo l’intervento di Nadia Urbinati sulla legge-bavaglio, che consideriamo la vera emergenza democratica in questo momento, un tema cruciale su cui serrare le fila. Sentiamo il dovere di condividere questa battaglia per il diritto-dovere di essere informati, strumento essenziale per esercitare il controllo di trasparenza cui la classe dirigente politica è chiamata a sottostare”.

Questa legge va fermata «nell’interesse della democrazia, che deve garantire il controllo di legalità, e che deve assicurare trasparenza di informazione. Non c’è compromesso possibile su questioni di principio, che riguardano i diritti dei cittadini, i doveri dello Stato». Le parole di Ezio Mauro su Repubblica ripropongono il tema della disobbedienza civile, ovvero il limite oltre il quale obbedire può contribuire a riconoscere una legge ingiusta. E lo ripropongono in un momento nel quale la democrazia costituzionale è a rischio poiché chi ha ottenuto la maggioranza per governare sta accampando pretesti per cambiare le regole: per governare secondo le proprie regole, per i propri desideri e interessi. Continua a leggere

L’esortazione di Concita

Non dimenticare è il nostro imperativo. E anche per questo riproponiamo l’articolo di Concita De Gregorio, direttrice dell’Unità, che quasi un anno fa faceva il punto sullo smarrimento delle donne italiane. Qualcosa è cambiato, nel frattempo. E Donne della realtà è qui a testimoniarlo.

«Ribelliamoci come in Iran e in Birmania»

di Concita De Gregorio da L’Unità 12 agosto 2009

Tutto avviene nel silenzio. C’è un’idea diffusa di impotenza, di rassegnazione. Alla politica si è sostituito il potere. La gestione delle cose, gli affari privati. Tutto è ormai una faccenda privata: di scambi, di soldi, di favori. Dove sono i cittadini, in questo paese? Dove sono le donne? In tutto il mondo le donne sono in piazza. Continua a leggere

Oltre 250 partecipanti all’incontro di Roma

Miriam Mafai all’incontro di “Donne della realtà” a Roma

Eravamo in tante, nel pomeriggio di sabato 21 novembre, alla Casa internazionale delle donne di Roma. Oltre 250 persone, ad affollare le suggestive stanze di via della Lungara 19.

Molte, non trovando posto, hanno dovuto seguire il dibattito dalla saletta adiacente collegata in video.

Tantissime donne (e anche qualche uomo), di generazioni diverse, a riflettere e a discutere delle donne della realtà, della loro scomparsa dai nostri giornali e dalle nostre tv, di come giornalisti e media possano ridare spazio alle vicende di un’Italia al femminile più vera di quella raccontata dalle immagini di escort e veline e dalle loro storie di mera apparenza e di compiacenza del potente di turno. Continua a leggere

Comunicato Stampa: Donne della realtà a Roma sabato 21 novembre

Dove sono finite le donne della realtà?  Sui giornali italiani altro è il modello dominante: quello di una donna che sembra avere come unico obiettivo ingraziarsi il maschio più ricco e potente possibile.  Per parlare delle “altre donne”, per interrogarsi su come i media possano ridare visibilità alla molteplicità delle esperienze femminili e recuperare un ruolo di analisi e critica nei confronti dei fatti della cronaca, sabato 21 novembre, alla Casa internazionale delle donne di Roma (via della Lungara, 19), si terrà un forum pubblico organizzato dal gruppo “Donne della realtà” con l’adesione e la collaborazione di alcune giornaliste romane e di colleghe de la Repubblica, il quotidiano che ha lanciato l’appello per la dignità delle donne firmato da oltre centomila persone. Si tratta del secondo incontro delle “Donne della realtà”, dopo quello che si è svolto a Milano il 5 ottobre scorso con la presenza di oltre 200 persone.

All’incontro, che si svolgerà a partire dalle ore 17, parteciperanno con una relazione introduttiva Chiara Volpato, docente di Psicologia sociale alla Bicocca di Milano, e la filosofa Michela Marzano, firmataria insieme con Nadia Urbinati e Barbara Spinelli dell’appello di Repubblica. Tra le altre, sono inoltre state invitate all’incontro il direttore del Tg3, Bianca Berlinguer, il presidente del Pd, Rosy Bindi, il segretario confederale della Cgil, Susanna Camusso, il direttore dell’Unità, Concita De Gregorio, il direttore dell’Espresso, Daniela Hamaui, il direttore del Secolo d’Italia, Flavia Perina, il segretario generale della Ugl, Renata Polverini, la scrittrice Lidia Ravera, il presidente della Cpo della Fnsi, Lucia Visca.

Per informazioni: donnedellarealta@gmail.com

Un appuntamento delle giornaliste verso il 25 novembre

All’interno del percorso di appuntamenti verso la Giornata mondiale contro la violenza sulle donne del 25 novembre, si colloca anche l’incontro che si terrà a Roma sabato 21 novembre, organizzato dal gruppo Donne della realtà con l’adesione e la collaborazione di un gruppo di giornaliste romane e di colleghe de la Repubblica, il quotidiano che ha lanciato l’appello per la dignità delle donne, scritto da Michela Marzano, Barbara Spinelli e Nadia Urbinati e firmato da oltre centomila persone. L’incontro si svolgerà a partire dalle ore 17 nella sede della Casa internazionale delle donne, in via della Lungara 19.

L’incontro è il secondo appuntamento dopo quello organizzato a Milano per iniziativa di 5 giornaliste che hanno firmato il seguente grido d’allarme: “Dove sono finite le donne che lavorano, che studiano, che coltivano i sogni con la fatica, che cercano di non piegarsi alla precarietà? Sono scomparse o quasi dai media italiani. Altri sono i modelli imperanti: escort, veline, donne che sembrano avere come unico obiettivo ingraziarsi il maschio più ricco e potente. E conquistare così una visibilità e un ruolo per i quali non servono curriculum, impegno e neppure valori morali ma aspetto fisico e spregiudicatezza.”

Da il Paese delle Donne

giovedì 12 novembre 2009

vai all’articolo originale..