Come si dice “Donne della realtà” in cinese?

di Sabrina Sbaccanti

Una meravigliosa ragazza in un posto meraviglioso del pianeta: la Grande Muraglia. Sabrina Sbaccanti si definisce «interprete e traduttrice. L’inglese perché who doesn’t speak English those days, il portoghese per i quattro anni vissuti a Lisbona e il cinese perché non mi piace vincere facile». Le sue parole non la descrivono compiutamente, dunque torneremo a parlare di lei. Intanto la abbracciamo e la ringraziamo per aver tradotto in cinese l’appello di “Donne della realtà” da cui è scaturito questo blog, e poi l’Associazione, e poi l’ebook, e poi il Giornale, e poi… E poi?

Continua a leggere

Donne della realtà a Roma il 28 novembre

Aderiamo come Donne della realtà alla Manifestazione contro la violenza sulle donne indetta a Roma il 28 novembre prossimo. Sottolineiamo, come è scopo di questo gruppo, che la violenza sulle donne passa anche attraverso la strumentalizzazione che i media fanno quotidianamente della loro immagine. Sempre più spesso, la televisione, ma anche i giornali, deformano i corpi, stordiscono le menti. Le donne si trasformano in veicoli di promozione dei più svariati oggetti. Tra le pagine, si enfatizza il femminile erotico, potente solo della propria forza seduttiva. In altri casi si promuove un’immagine della donna vincente e aggressiva, drammaticamente interna allo stesso linguaggio del maschile. Si stravolgono e si deformano persino gli stupri che le donne subiscono, alimentando la paura dello sconosciuto e disconoscendo ciò che accade soprattutto nel contesto familiare.

Ciò che ci stiamo domandando, come giornaliste che hanno dato vita a questo gruppo, è dove, dentro un’informazione costruita su questi falsi stereotipi, possa trovare spazio la vita vera delle donne. Assistiamo a un’apparente femminilizzazione dei media: articoli di costume e di gossip dilagano ovunque nella convinzione che le lettrici siano affamate di tali argomenti.

Contemporaneamente, si mette il silenziatore ai problemi veri, materiali, concreti, alle speranze, ai sentimenti delle donne. Si tacitano le loro esperienze, il loro agire, il loro pensiero. Lavorando all’interno dei giornali, da professioniste appassionate del mestiere come siamo, prima dell’estate abbiamo sentito l’urgenza di denunciare questa deriva e di richiamare a un maggior rispetto dell’informazione per le donne.

Senza la realtà delle donne non è data qualità dell’informazione.

Senza il pensiero delle donne non è data qualità dell’informazione.

La manifestazione di Roma può essere il momento per ribadire anche questo tema fondamentale.