Il nuovo dilemma: escort o veline?

di Caterina Soffici
Il gradino più basso toccato in questa settimana non è nelle rivelazioni di Wikileaks, ma nella dichiarazione di Nadia Macrì, una delle ragazze infilate nel letto dell’anziano signore di Arcore in cambio di una busta (dice lei) con dentro cinquemila euro. In una recente intervista televisiva la ragazza ha candidamente dichiarato: “Forse ho sbagliato a presentarmi come una escort, avrei dovuto chiedere di fare la velina”. Ecco, questa frase è più devastante di qualsiasi report di Wikileaks. Continua a leggere

Ma il Dipartimento dà torto al Cavaliere. La Dibble guida la diplomazia nella Ue

Uomini vicini al premier fornivano informazioni all’ambasciata. A differenza delle altre cancellerie, la Farnesina sembra destabilizzata dai file di Assange. I duri giudizi sul presidente del Consiglio non sono pareri personali Continua a leggere

L’accusatrice del Cavaliere: chi è Elizabeth Dibble, numero due dell’Ambasciata Usa

«Incapace, vanitoso e inefficace come leader europeo moderno»: questo il giudizio dell’incaricata d’affari americana a Roma Elizabeth Dibble sul presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. Nella foto Elizabeth Dibble durante la visita al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano al Quirinale, a Roma, in occasione della Conferenza dei Presidenti delle principali organizzazioni ebraiche americane. (Ansa)