A volte purtroppo ritornano. Ovvero: il talento di Elisabetta Gregoraci di nuovo sulla Rete 2 della televisione pubblica

di Chiara Pergamo

Made-in-Sud-logo3-586x348Mio padre non è un fisionomista: è di quel tipo che se anche segue ogni sera un programma televisivo fa fatica a distinguere un ospite fisso dall’altro, a meno che non siano radicalmente differenti.
L’altra sera, però, si è imbattuto in Made in Sud, show comico della prima serata di Rai 2: per le prime tre stagioni, questo programma è andato in onda solo su Sky e mio padre lo ha seguito con costanza. Aveva ormai capito che a condurre il programma erano in tre: i due comici napoletani Gigi e Ross, già noti per le loro partecipazioni a Mai dire Martedì e a Colorado, e la giovane Fatima Trotta, anch’essa partenopea. Continua a leggere

Fornero: “Offesa dall’immagine della donna in tv. Sanzioni per chi viola le quote rosa”

Davanti a spettacoli poco edificanti per il ministro è “meglio spegnere o cambiare canale”. E ha spiegato di vigilare sulla partecipazione femminile nel cda delle aziende quotate. Cinzia Guido (Se non ora quando): “Adesso bisogna agire” Continua a leggere

Rivoluzione rosa o crisi nera?

Il 66 per cento delle italiane ritiene che la Tv peggiori il Paese rendendolo più volgare e immorale, incivile e meno giusto, il 58 per cento che non aiuta gli uomini a capire come sono davvero le donne.

Da Tabloid, periodico dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia, n.3 maggio-giugno
di Maria Novella Oppo
Partiamo da un’immagine, anzi dall’immagine che più passa in televisione in questo periodo. Si tratta del finale dello spot in cui Christian De Sica, l’odioso vigile Persichetti, per non dividere con la collega Belen Rodriguez i fusilli preparati da un’improbabile zia, allontana la bellissima ragazza, dandole una forte manata sul seno. Continua a leggere