Sciolta nell’acido la donna che denunciò la ‘ndrangheta

Sei arresti per la la donna che denunciòla ’ndrangheta uccisa e sciolta nell’acidoL’omicidio è stato organizzato dal suo ex compagno, Carlo Cosco, dopo averla attirata a Milano. Lea Garofalo aveva rinunciato alla protezione, sparita nel novembre 2009

MILANO – Sono sei le ordinanze di custodia cautelare in carcere notificate nella notte nell’ambito dell’inchiesta sulla scomparsa della collaboratrice di giustizia calabrese Lea Garofalo, uccisa e sciolta nell’acido in un terreno a San Fruttuoso, vicino a Monza. Continua a leggere