Milano e un fruscio nel suo impressionante silenzio

Testo e foto di Paola Ciccioli

Sono stata in ospedale a Milano.

Mi hanno provato la febbre all’ingresso e poi consentito di entrare dentro il vuoto di sedie, divanetti e poltrone disponibili per nessuno a metà.

La prima impressione è stata quella del silenzio della metropoli, che impressione, interrotto dal frusciare della mia gonna e da qualche motorino in lontananza.

Al supermercato in pochi e guardinghi, cassiera con cortesia inscalfibile.


Il carcere di San Vittore circondato dalle luci lampeggianti azzurre della polizia.


Poi, nel buio, l’ombra della statua di Giuseppe Verdi davanti alla sua casa di riposo, ingigantita sulla facciata di un palazzo.


Sirene di ambulanze, ambulanze, pensieri, sirene veloci.


Tir, auto che sfrecciano sulla superstrada libera e poi gallerie, gallerie, gallerie prima del lago di Como.


E un’unica macchina, la mia

2 thoughts on “Milano e un fruscio nel suo impressionante silenzio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...