«Il dottor Mariani bussò alla nostra camera all’alba per visitare il bambino»

di Anna Caltagirone Antinori

L’autrice del post con il marito Fernando Antinori che è stato sindaco di Urbisaglia, il paese delle Marche al centro dei ricordi affidati al nostro blog dalla “maestra Antinori” (foto http://www.bibliotecadiurbisaglia.it/)

Continua la galleria dei ritratti firmati dalla “maestra Antinori”

Mario Mariani era il medico condotto di Colmurano, ma aveva anche molti pazienti a Urbisaglia. Anche noi ci affidammo alla sue cure perché la sua serietà ci ispirava fiducia. Era un uomo dall’aria bonaria, dai modi affabili e cordiali. Abitava a Colmurano in una villetta, all’inizio del paese. In casa aveva anche l’ambulatorio dove riceveva i pazienti.

Era mattiniero, prestissimo usciva a fare le visite a domicilio e tutta la mattinata riceveva in ambulatorio. Ci accoglieva col sorriso sulle labbra e come un amico chiedeva notizie di tutta la famiglia. Non metteva soggezione per cui ognuno raccontava i sintomi dei propri disturbi e lui, senza mandarti a fare analisi o lastre, esprimeva la sua diagnosi e ti prescriveva le medicine per curarti.
Dal dottor Mariani si andava per farsi seguire in gravidanza, per il mal di denti, per i reumatismi, per l’influenza, per le indisposizioni e le diete dei bambini: curava tutte le malattie, era il vero medico di famiglia!

 Mio figlio Fabrizio aveva appena venti mesi, quando in seguito a un freddata si ammalò: aveva la febbre a 39 e se ne stava mogio mogio nel suo lettino. Verso sera chiamammo il dottore che venne subito e trovò il bambino congestionato in viso. Lo fece tossire, ascoltò il petto e le spalle e prescrisse alcune medicine. La notte per me passò in bianco, ero preoccupata per il bambino, ma la mattina, vinta dalla stanchezza, mi addormentai. Verso le cinque sentimmo bussare alla porta della camera. Mio marito Fernando saltò giù dal letto chiedendo: «chi è?». Una voce rispose: «il dottore». Mariani avendo visitato il bambino la sera prima ed essendo anche lui preoccupato era venuto a vedere come aveva trascorso la notte. Allora lasciavamo la chiave sulla porta di casa e il dottore era entrato tranquillamente; per fortuna le medicine avevano fatto effetto, la febbre era diminuita e il pericolo della polmonite era scongiurato.
Che brava persona il dottor Mariani, come si prendeva a cuore la salute della gente! Ora è passato a miglior vita portando con sé la sentita gratitudine dei suoi pazienti. Che Dio gli renda il bene che ha fatto. Una persona così non si può dimenticare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: