«Le donne non ficchino mai il naso in un libro, né impugnino mai una penna»

di Sylvain Maréchal

george_dunlop_leslie_-_alice_in_wonderland

“Alice in Wonderland”, George Dunlop Leslie, 1879

I. La Ragione vuole (anche a costo di sembrare incivile) che le donne (nubili, maritate o vedove) non ficchino mai il naso in un libro, né impugnino mai una penna.

II. La Ragione vuole:

All’uomo – la spada e la penna.

Alla donna – l’ago e il fuso.

All’uomo – la clava di Ercole.

Alla donna – la conocchia di Onfale.

All’uomo – i prodotti del genio.

Alla donna – i sentimenti del cuore.

III. La Ragione vuole che ogni sesso stia al suo posto, e che ci resti.

Le cose vanno male, quando i due sessi invadono i rispettivi campi.

La luna e il sole non brillano insieme. (S.)

IV. La Ragione, come la lingua francese, non vuole che una donna sia scrittore: questo appellativo, in ogni sua accezione, è esclusivo appannaggio dell’uomo.

V. La Ragione vuole che i sessi differiscano nelle capacità come nell’abito.

Un uomo che cuce è altrettanto rivoltante e scandaloso quanto una donna che scrive; e un uomo che si agghinda i capelli, quanto una donna che cesella eleganti fraseggi…

VI. La Ragione ribadisce questo antico proverbio:

«La parola è femmina, lo scritto è maschio».

È una ripartizione che sembra voler assegnare a ogni sesso il talento che più gli compete.

N.B. La saggezza delle nazioni è nei loro proverbi.

VII. La Ragione vuole che le donne siano dispensate dall’imparare:

a leggere,

a scrivere,

a stampare,

a incidere,

a compitare,

a solfeggiare,

a dipingere ecc.

Non appena sanno fare una di queste cose, ciò va regolarmente a scapito dell’armonia domestica.

VIII. Dunque, la Ragione vuole che la penna e il pennello, la matita e il bulino, siano preclusi alle donne, come l’ago e il fuso agli uomini.

IX. La Ragione vuole che nelle arti del disegno, della pittura e dell’incisione, le donne non perdano tempo accampando pretese che superino quelle della dolce Dibutade. Questa giovane bellezza di Sicione tracciò sul muro, al chiarore di una lampada, il profilo dell’ombra del suo giovane innamorato, costretto a partire per un lungo viaggio.

(Vedi la Storia naturale di Plinio, XXXV, 12.)

X. La Ragione e la Decenza disapprovano assolutamente che delle giovani disegnatrici trascorrano giornate intere a rimirare e a copiare le armoniose proporzioni dell’Apollo del Louvre, del Lantin, dell’Ercole Farnese ecc.

XI. La Ragione vuole che le donne, nel tempo libero, imparino a cantare spontaneamente, senza libri né maestri; ma che ignorino per tutta la vita quante sono le note musicali, quante le lettere dell’alfabeto, quante le sillabe di un verso alessandrino o di un pentametro.

Le donne sono nate per essere amabili e virtuose, non per diventare virtuosiste ed erudite.

XII. La Ragione vuole che i mariti siano gli unici libri delle loro mogli; libri viventi, ove giorno e notte esse imparino a leggere il proprio destino.

«Segno di buona creanza e commendevol cosa (dice un vecchio libro) sarebbe udire una moglie che dice al marito: amico mio, sei tu il mio precettore, il mio maestro di filosofia ecc.»

(Istituzione dell’uomo, 1626.)

N.B. Una donna brillante, autrice di cinque o sei grossi volumi, andò a trovare una madre di re femmine e tre maschi:

«Queste (disse la madre di famiglia presentando il marito e i figli alla scrittrice), sono le mie opere, la mia biblioteca».

XIII. La Ragione vuole che le donne imparino la lingua materna, e nessun’altra:

«Per una donna (ha detto qualcuno), parlare una lingua straniera è pura vanità».

(Lettera a una signorina, 1737.)

XIV. La Ragione vuole che alle donne sia condonato lo studio arido e freddo della grammatica; nel loro destino vi sono occupazioni più appaganti e meno sterili.

XV. La Ragione vuole altresì che le donne siano dispensate dalla storia e dalla geografia, non meno ingrate; la loro debole memoria mal sopporta il fardello delle date e di una difficile nomenclatura.

Del resto, che male c’è se una donna incappa in qualche anacronismo?

XVI. La Ragione vuole che le donne si astengano dall’astronomia: contino le uova giù in cortile, non le stelle del firmamento!»

leggere-foto

*Sono i primi sedici articoli del Progetto di legge per vietare alle donne di imparare a leggere, redatto (ma davvero!) da Sylvain Maréchal nel 1801 (Archinto 2007). Quanto è costata all’umanità questa sfilza di precetti misogini che l’illuminista francese ha avuto la lucida follia di mettere ordinatamente nero su bianco? La domanda accompagna la presentazione oggi a Milano di BookCity, la manifestazione che dal 17 al 20 novembre 2016 tornerà a disseminare libri in ogni angolo della città e a diffondere il piacere di leggere e scrivere.

(Paola Ciccioli)

6 Risposte

  1. Non sono mai troppe le segnalazioni di questo tipo, Paola. Se si pensa che il Maréchal si è battutto per l’abolizione della schiavitù dell’uomo ma, evidentemente, non della donna e che, nella storia e cultura maschile, rappresenta un illuminista. Ci vorranno secoli per riscrivere la Storia e la Cultura: è sempre tempo per farlo, dunque.
    Grazie, Angela.

    Liked by 1 persona

  2. anche gli illuministi sbagliano. La razionalità così come i sentimenti del cuore,ecc..appartengono a donne e uomini

    Liked by 1 persona

  3. anche gli illuministi sbagliano. La razionalità così come i sentimenti del cuore,ecc..appartengono a donne e uomini.

    Liked by 1 persona

  4. Mi solleva il fatto di averle fatte tutte ma proprio tutte! 😃

    Liked by 1 persona

  5. 😉 una mia professoressa di liceo diceva “Quando ci sono tanti uomini che si impegnano a scrivere per rimettere le donne al loro posto, vuol dire che al loro posto, in quel momento, le donne non ci vogliono più stare”.

    Liked by 1 persona

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

#SFF2016

4/5/6 novembre 2016 - Chiostro "Nina Vinchi" - Piccolo Teatro Grassi - Milano

Donne della realta's Blog

Dove sono finite le donne che lavorano, che studiano, che coltivano i sogni con la fatica, che cercano di non piegarsi alla precarietà?

unaeccezione

... avessi più tempo sbaglierei con più calma.

agoradellavoro

Per incontrarsi, ribellarsi, progettare. Accade a Milano

blogcartebollate

il blog di CarteBollate

il ricciocorno schiattoso

ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

Impariamo la Costituzione

un articolo a settimana

Rage against the world

Noi vogliamo uguaglianza con ogni mezzo necessario

dubbi(e)verità

Dubbi e verità o Dubbie verità?

slanthings

we live in an age when unnecessary things are our only necessities

the POP CORNERS

Pop corn d'angolo

Se Non Ora Quando Milano

Se non le donne chi?

RIHLA SAIDA

photoblog of a restless wanderer

Libreria delle Donne Bologna

"C'è tutto ciò che c'è quando ha tutto ciò che ha dove c'è quello che c'è" (G. Stein)

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

giustizia mediazione civile

giustizia e mediazione civile

cronichlesofmari

the open diary of mari key

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: