Che gioia la musica. Che dolore non aver potuto suonare alla Scala (perché alle donne era vietato)

di Mirella Ciancetta*

la-traviata-1

In queste due belle immagini dal Web, la soprano Anna Netrebko che sarà Violetta nella Traviata di Giuseppe Verdi, nel cartellone 2016/2017 del Teatro alla Scala di Milano (http://www.teatroallascala.org/)

MUSICA: GIOIA E DOLORE. Così posso definire la mia avventura musicale, iniziata a dieci anni con l’iscrizione al Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino.

Qui incomincia l’ansia e il desiderio di mostrare ai miei genitori che in me ci sono l’attitudine e la musicalità necessarie per essere ammessa al corso di violino dopo i due anni di prova.

Evviva! Ci sono riuscita!

Anno dopo anno, sotto la guida esperta del prof. Ballarini, ottengo il diploma di violino con la “Lode Meritevole del Premio Antonio Boasso” (Anno Accademico 1945/1946); al tempo stesso termino con profitto il corso di pianoforte complementare e gli oltre dieci anni di danza classica con la deliziosa insegnante e ballerina signora Sara Acquarone.

A questo punto, dato il meritevole diploma conseguito, vengo inserita direttamente nell’orchestra del Teatro Regio di Torino e, come viola da me pure studiata, altresì nell’Orchestra da camera Collegium Musicum diretta dal Maestro Bruni.

La mia gioia è al culmine, o quasi, perché raggiunge il massimo quando conosco il violoncellista Genuzio Ghetti, anche lui nell’orchestra del Regio; ci innamoriamo perdutamente e dopo pochi mesi ci sposiamo; la felicità è completa quando nasce il piccolo Roberto.

La bella favola non è finita perché mio marito ottiene, con un concorso vinto nel 1956, il posto di 1° violoncello solista nell’orchestra del Teatro alla Scala e si trasferisce da Torino a Milano.

La lontananza fra due persone che si amano profondamente è insopportabile e allora, dovendo scegliere fra l’amore per il mio Genuzio e l’amore per l’adorata orchestra, scelgo l’amore per il marito e lo raggiungo.

Purtroppo, nonostante l’ottimo curriculum e il percorso professionale e musicale svolto a Torino, a quei tempi nell’orchestra del Teatro alla Scala non sono ammesse ancora le donne, tranne che le arpiste, e non c’è la possibilità di proseguire nella carriera.

E qui cominciano i… dolori.

Proseguo comunque una proficua attività musicale collaborando con orchestre autonome e, parallelamente, seguo Genuzio nella sua brillante carriera; con l’orchestra della Scala, le tournée lo portano a suonare a Mosca, New York, Bruxelles, Montreal e in altri famosi teatri d’Europa e del mondo. In uno sciagurato incidente d’auto perdo molta della sensibilità e manualità della mano sinistra, il recupero della manualità è interminabile e l’infortunio m’impedisce di suonare per lungo tempo.

Dopo quattordici anni di musica vissuta di riflesso mi ero quasi rassegnata a fare la mamma, pur frequentando tutte le manifestazioni musicali e le partecipazioni a concerti di beneficenza solo per il mio piacere.

Purtroppo, mio marito, a soli quarantaquattro anni, viene a mancare per un male incurabile; questa tragedia non distrugge solamente il nostro legame d’amore ma anche la stupenda carriera di un grande artista il cui ritratto è ancora oggi esposto al museo del Teatro alla Scala.

la-traviata-2

Un’altra foto di Anna Netrebko, definita “superstar del XXI secolo”. La Traviata scaligera di cui sarà protagonista (alternandosi con Ailyn Perez) è quella «del sontuoso allestimento di Liliana Cavani con le scene di Dante Ferretti con cui il capolavoro di Verdi tornò alla Scala nel 1990, diretto da Riccardo Muti»

La favola della mia vita piena di passioni musicali si sarebbe potuta concludere qui, avrei dovuto accontentarmi di seguire le opere o i concerti in televisione o, magari in qualche speciale occasione, alla Scala; invece, con l’arrivo della vecchiaia, è subentrato un nuovo periodo della mia vita, pieno di gioia, serenità, e di momenti musicali splendidi: Casa Verdi mi ospita con affetto e attenzioni che non credevo possibili.

Viva Verdi! … e comunque non vi è nulla di più bello e appagante che vivere per la musica e con la musica, sempre.

*Questa testimonianza è apparsa nel numero 19 di “La Voce di Casa Verdi”, il trimestrale della Casa di riposo milanese voluta da Giuseppe Verdi, sepolto nella cripta del cortile interno con, accanto, la moglie Giuseppina Strepponi

Grazie alla maestra Mirella Ciancetta per avermi fatto avere l’autorizzazione a ripubblicarla qui. (Paola Ciccioli)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

#SFF2016

4/5/6 novembre 2016 - Chiostro "Nina Vinchi" - Piccolo Teatro Grassi - Milano

Donne della realta's Blog

Dove sono finite le donne che lavorano, che studiano, che coltivano i sogni con la fatica, che cercano di non piegarsi alla precarietà?

unaeccezione

... avessi più tempo sbaglierei con più calma.

agoradellavoro

Per incontrarsi, ribellarsi, progettare. Accade a Milano

blogcartebollate

il blog di CarteBollate

il ricciocorno schiattoso

ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

Impariamo la Costituzione

un articolo a settimana

Rage against the world

Noi vogliamo uguaglianza con ogni mezzo necessario

dubbi(e)verità

Dubbi e verità o Dubbie verità?

slanthings

we live in an age when unnecessary things are our only necessities

the POP CORNERS

Pop corn d'angolo

Se Non Ora Quando Milano

Se non le donne chi?

RIHLA SAIDA

photoblog of a restless wanderer

Libreria delle Donne Bologna

"C'è tutto ciò che c'è quando ha tutto ciò che ha dove c'è quello che c'è" (G. Stein)

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

giustizia mediazione civile

giustizia e mediazione civile

cronichlesofmari

the open diary of mari key

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: