La prima volta in prima fila alla Scala: un MITO!

di Luca Bartolommei

noseda

Gianandrea Noseda dirige con “bagnata fisicità” la London Symphony Orchestra al Teatro alla Scala di Milano nel concerto inaugurale di MITO 2016 (http://www.mitosettembremusica.it/programma/03092016-2100-debussy-recasted-teatro-alla-scala.html)

Sabato 3 settembre 2016. Data fatidica. Confesso, non avevo mai ascoltato, prima di quella data, musica sinfonica alla Scala.

Inaugurazione del Festival MITO, London Symphony Orchestra, Debussy e Rachmaninov, Gianandrea Noseda sul podio, può bastare?

Non parlerò del programma musicale se non incidentalmente, ma solo delle immagini e delle emozioni che mi sono rimaste dentro.

Prima fila, ebbene sì, prima fila! Gli arpisti, soli sul palco, accordano i loro strumenti. Lei concentratissima, all’arpa di lui si rompe una corda, sostituzione della stessa che neanche il pit-stop della Ferrari è così veloce, entra l’orchestra, tutti accordano, e già quel suono disordinato mi entra dentro.

Tutti a posto, code del frac del primo violino che praticamente sfiorano il naso, volto all’insù, di Paola.

Entra il Maestro Noseda. Moto d’invidia quasi violento. Bello, alto, biondo, occhio chiaro, ben spallato, dinoccolato e, diavolo, dirige la LSO, il tutto a un metro da mia moglie, sono già geloso.

Preludi di Debussy, nati per il pianoforte, arrangiati per orchestra, ben cinque su dodici, e già sul palco l’atmosfera si scalda, il direttore inizia a muoversi, si sente il suo respiro, sbuffa.

debussy_-_la_mer_-_the_great_wave_of_kanaga_from_hokusai

La copertina della partitura de “La mer” di Claude Debussy nell’edizione del 1905, realizzata da Katsushika Hokusai (le sue opere saranno in mostra al Palazzo Reale di Milano dal 22 settembre al 29 gennaio 2017) http://www.palazzorealemilano.it/

La mer, sempre Debussy, io sono in un altro mondo, sento il vento, il suo dialogo con le onde, osservo una violinista ossuta che sembra ipnotizzata dal direttore, seguo la danza degli archetti dei violoncelli, allineati come soldati, durante i vari pizzicati. Sul podio il Maestro danza, si ferma, incalza l’orchestra, gronda di sudore, fa scomparire i suoni nel pianissimo, fa un salto, bofonchia e il secondo movimento finisce con l’orchestra, non mi viene un altro termine, a manetta.

Respiro, finalmente. E vedo davanti a me una violinista dai tratti orientali, forse coreana, con un vestito ornato di strass. Guardo meglio, strass sulla sordina, sui tiracantini e su una sfera, incastonata nel ricciolo di una delle effe.

Ha anche qualche pennellata di blu nei capelli. Sorride.

Nel terzo movimento della seconda sinfonia di Rachmaninov l’orchestra è monumentale, dinamicamente travolgente, e il direttore, sì, il mio rivale, un gigante che fa di tutto per stordirmi e confondermi, con la sua forza espressiva, sempre più grondante e quasi sofferente nel volto.

Ci riesce.

arpisti

Luca Bartolommei il 3 settembre mentre aspetta l’inizio del concerto al Teatro alla Scala. Sullo sfondo gli arpisti di cui parla nella sua emozionata cronaca della serata (scatto con il cellulare di Paola Ciccioli)

Sigaretta sotto il portico. Beatitudine.

La cosa che mi ha impressionato di più, però, non è stata un suono, ma un rumore.

In uno dei tanti pianissimo, io adoro la dinamica del suono, sentivo, ed ascoltavo, lo strofinio degli archetti sulle corde dei violini, non mi era mai successo.

Certo, roba da prima fila.

AGGIORNATO IL 19 SETTEMBRE 2016

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

#SFF2016

4/5/6 novembre 2016 - Chiostro "Nina Vinchi" - Piccolo Teatro Grassi - Milano

Donne della realta's Blog

Dove sono finite le donne che lavorano, che studiano, che coltivano i sogni con la fatica, che cercano di non piegarsi alla precarietà?

unaeccezione

... avessi più tempo sbaglierei con più calma.

agoradellavoro

Per incontrarsi, ribellarsi, progettare. Accade a Milano

blogcartebollate

il blog di CarteBollate

il ricciocorno schiattoso

ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

Impariamo la Costituzione

un articolo a settimana

Rage against the world

Noi vogliamo uguaglianza con ogni mezzo necessario

dubbi(e)verità

Dubbi e verità o Dubbie verità?

slanthings

we live in an age when unnecessary things are our only necessities

the POP CORNERS

Pop corn d'angolo

Se Non Ora Quando Milano

Se non le donne chi?

RIHLA SAIDA

photoblog of a restless wanderer

Libreria delle Donne Bologna

"C'è tutto ciò che c'è quando ha tutto ciò che ha dove c'è quello che c'è" (G. Stein)

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

giustizia mediazione civile

giustizia e mediazione civile

cronichlesofmari

the open diary of mari key

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: