«Quanto abbiamo dovuto combattere, noi, nella nostra infanzia»

di Eliana Ribes*

Eliana, pagliai

Scolaresca delle Elementari con pagliaio, anzi due. Eliana Ribes, in prima fila seconda da destra, in una foto che descrive benissimo il contesto in cui è nata e cresciuta a Urbisaglia, nelle Marche

Cara Paola, volevo “ripassare” il libro di Mariagrazia Sinibaldi prima di esprimere la mia modesta opinione, volevo fare le cose per benino, ma ancora non ci sono riuscita ed allora ti dico semplicemente questo: è un libro vero, piacevole, scritto bene, in cui ti immedesimi a tal punto che rischi di fare gli stessi errori della protagonista.

Dopo averlo letto sono andata alla stazione a fare i biglietti per Dobbiaco e ho sbagliato il giorno della partenza. Rimediare e sostituirli non è stato semplice. Una cosa ci differenzia: l’estrazione sociale. Ho provato un pizzico di invidia nel pensare alla sua infanzia e giovinezza con tutte quelle attenzioni, sicurezze, stimoli, confrontate con queste fasi della mia vita (penso anche della tua) tanto più “penate” e combattute.

Quarta di copertina

La quarta di copertina, realizzata da Lorenzo Di Palma, di “È come vivere ancora”. Per informazioni e ordinazioni: donnedellarealta@gmail.com

Il primo ricordo che ho della mia infanzia risale al primo anno (penso) dell’ asilo: mi rivedo seduta sopra il tavolo, tutta assonnata, con mamma che mi mette le scarpe per percorrere a piedi i due chilometri per raggiungere Urbisaglia. Comunque avete fatto proprio un bel lavoro, complimenti! Quando avrò voglia di esprimermi in modo un po’ più curato scriverò anche all’autrice. Questa sera avevo il desiderio di riprendere il contatto con te.

Un abbraccio, Eliana

*Non so se si capisce, ma mi sto divertendo molto con questa carrellata di commenti su “È come vivere ancora. La vera signora del blog”, raccolta ragionata dei post pubblicati da Mariagrazia Sinibaldi sul nostro blog e diventata la prima creatura cartacea (per il momento) dell’Associazione Donne della realtà che, il 17 settembre, compirà il suo primo anno di vita. Amica nata sotto il mio stesso cielo, Eliana Ribes ci ha voluto sostenere in questo nostro cammino acquistando due copie del libro e diventando socia. A Mariagrazia, poi, ha scritto delle bellissime parole postate su Fb e che prestissimo pubblicherò su questo nostro caro diario. Grazie. (p.c.)

Una Risposta

  1. Trasferisco qui, perché qui nulla si perde (almeno spero), quel che scritto Eliana Ribes sul mio profilo Facebook il 12 agosto. Va detto poi che la Simona con cui duetta è proprio la “nostra” Simona Zucconi:
    «Considerato che questa sera sono “inarrestabile”, sono appena ritornata dalla splendida “Medea”, di corsa per il freddo patito, voglio commentare questa foto, che autonomamente ha scelto dal mio diario Paola, la registra. E non sa quanto mi ha fatto piacere. Sarò sintetica: pluriclasse, dalla prima alla terza, sita nella frazione Maestà di Urbisaglia, dopo tre anni di scarpinate nell’unico asilo che stava in paese gestito dalle maestre pie Venerini; maestra unica, Clodilde, che rendeva, almeno per me, la scuola un piacere e un’altra casa; COMPAGNI, di umile estrazione sociale come la mia, e alcuni dovevano percorrere diversa strada per raggiungere la scuola, SERENI, BUONI e SIMPATICI. Io ero in prima classe insieme a Giancarlo, Eraldo e Giuliano ed ero l’unica femmina. Mi piacerebbe tanto che gli altri compagni più grandi, almeno qualcuno, vedesse questa foto e ne provasse meraviglia e piacere. Io di tutti ricordo i nomi. Fabio Ferranti, mio amico anche su Facebook, è il terzo in seconda fila, partendo da sinistra, vicino a Tiziano. Un’ultima cosa per gli amici in comune: questo è il prato su cui Simona ZUCCONI coltiva adesso il suo orto. Ciao Simona, speriamo di vederci, questi giorni, alla festa della Maestà!».

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

#SFF2016

4/5/6 novembre 2016 - Chiostro "Nina Vinchi" - Piccolo Teatro Grassi - Milano

Donne della realta's Blog

Dove sono finite le donne che lavorano, che studiano, che coltivano i sogni con la fatica, che cercano di non piegarsi alla precarietà?

unaeccezione

... avessi più tempo sbaglierei con più calma.

agoradellavoro

Per incontrarsi, ribellarsi, progettare. Accade a Milano

blogcartebollate

il blog di CarteBollate

il ricciocorno schiattoso

ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

Impariamo la Costituzione

un articolo a settimana

Rage against the world

Noi vogliamo uguaglianza con ogni mezzo necessario

slanthings

we live in an age when unnecessary things are our only necessities

the POP CORNERS

Pop corn d'angolo

Se Non Ora Quando Milano

Se non le donne chi?

RIHLA SAIDA

photoblog of a restless wanderer

Libreria delle Donne Bologna

"C'è tutto ciò che c'è quando ha tutto ciò che ha dove c'è quello che c'è" (G. Stein)

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

giustizia mediazione civile

giustizia e mediazione civile

cronichlesofmari

the open diary of mari key

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: