«La mano dispettosa del tempo rimescola le caselline importanti della vita»

di Rosa Di Paolo

Rosa 1

Rosa Di Paolo in uno scatto pieno di luce a Trani, «una città di mare che mi piace tanto e che visito spesso, anche perché è ad appena una cinquantina di chilometri da Palazzo San Gervasio, il paese lucano dove abito»

Data la mia non più giovanissima età, i ricordi cominciano ad essere numerosi. S’intende, io mi vedo come sempre. Eppure non lo sono più. C’è voluto tempo per capire che non sono più la stessa. Le mie piccole rughe mi dicono che non sono più una bimba; ed oggi mi chiedo: quanto tempo ci vorrà per non dimenticarmi che non sono più la stessa di ieri?

Ai tempi della mia adolescenza, quando sentivo dire che il vero nemico è il tempo, non davo importanza a questa espressione. Adesso, a distanza di anni, mi rendo conto che invece è così.

Il tempo scorre inesorabilmente e ci lascia un carico di ricordi, a volte piacevoli, a volte un po’ meno, che comunque lasciano il segno e danno, altrettanto inesorabilmente, un’impronta al nostro carattere.

Non so cosa mi stia succedendo, ma è come se all’improvviso qualcosa fosse cambiato e il cambiamento, lo sappiamo, comporta sempre disorientamento perché ci costringe a separarci da “parti di sé sperimentate e consolidate implicando una riorganizzazione della propria identità”. E non è poco!

La mia vita sta subendo una piccola rivoluzione, lenta e irreversibile. Io sono sempre la stessa, ma è come se tutte le caselline importanti (meglio note come priorità) fossero state mischiate da una mano dispettosa. Alcune hanno addirittura lasciato il posto ad altre, spuntate da chissà dove.

Rosa %22I progetti per il presente%22 2

Rosa, che ha già scritto per il nostro blog, è qui con la figlia Giovanna

Io mi osservo cambiare, stupita da tanto dinamismo, e giungo alla conclusione che sono i miei sessant’anni. È come se questa tappa, tanto significativa nella vita di ognuno, richiedesse una sorta di messa a punto, uno sguardo al passato per meglio progettare il futuro e vivere intensamente il presente. I figli ormai sono grandi, gli affanni tipici delle giovani coppie sono un ricordo lontano, la “carriera” se c’è stata, o se ancora ci può essere, è un mito ridimensionato ampiamente.

Vengono fuori altre esigenze troppo a lungo messe da parte, in attesa del momento giusto.

Il tempo! Dio mio, quanto è prezioso! Non basta mai! Dovremmo usarlo per le cose che ci piacciono di più, senza rinviare ogni volta. Non si può vivere di foto ingiallite…

Dovremmo dedicare più tempo alle persone a noi care! Essere più tolleranti verso noi stessi e gli altri. Basta con questa sadica e capziosa volontà di rimproverarsi difetti ed errori, scelte non fatte, modelli mai raggiunti. Perché non guardare a noi stessi con più benevolenza? Insomma, l’età non dovrebbe costituire un limite ma un valore. Potremmo utilizzare le nostre energie come carburante per ripartire e fare subito progetti per il presente… non per il futuro!

4 Risposte

  1. Eppure c’è chi sostiene che nella vita non si cambia per niente. Mah. ci sono persone che non sanno vedere le cose. Fortunata tu che le vedi bene🙂

    Mi piace

  2. E chi è che lo dice? (che nella vita non si cambia, intendo)

    Mi piace

  3. Mitica Rosa sei una donna con la D . La tua amica ritrovata dopo 40 anni Elena

    Mi piace

  4. Ti ringrazio per il tuo commento positivo. Anche tu sei straordinaria. Adesso che ci siamo ritrovate abbiamo tanta strada da percorrere insieme. Un abbraccio. Rosa

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

#SFF2016

4/5/6 novembre 2016 - Chiostro "Nina Vinchi" - Piccolo Teatro Grassi - Milano

Donne della realta's Blog

Dove sono finite le donne che lavorano, che studiano, che coltivano i sogni con la fatica, che cercano di non piegarsi alla precarietà?

unaeccezione

... avessi più tempo sbaglierei con più calma.

agoradellavoro

Per incontrarsi, ribellarsi, progettare. Accade a Milano

blogcartebollate

il blog di CarteBollate

il ricciocorno schiattoso

ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

Impariamo la Costituzione

un articolo a settimana

Rage against the world

Noi vogliamo uguaglianza con ogni mezzo necessario

dubbi(e)verità

Dubbi e verità o Dubbie verità?

slanthings

we live in an age when unnecessary things are our only necessities

the POP CORNERS

Pop corn d'angolo

Se Non Ora Quando Milano

Se non le donne chi?

RIHLA SAIDA

photoblog of a restless wanderer

Libreria delle Donne Bologna

"C'è tutto ciò che c'è quando ha tutto ciò che ha dove c'è quello che c'è" (G. Stein)

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

giustizia mediazione civile

giustizia e mediazione civile

cronichlesofmari

the open diary of mari key

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: