Gentile ministra Boschi, lei non è una maestra per l’infanzia (e noi non siamo alunni poco svegli)

di Erica Sai

maria-elena-boschi-a-otto-e-mezzo-753982_tn

La ministra delle riforme costituzionali Maria Elena Boschi compirà 35 anni il 24 gennaio

A volte fare il punto della situazione è necessario: capire come siamo messi, dove siamo posizionati. Non tanto come individui,  piuttosto come  società. Dove viviamo? Come si muovono le cose intorno a noi? A che punto siamo nel teatro del mondo? La spinta a capire, dunque, arriva spontanea e irrefrenabile. Il problema, però, è che l’operazione Achepuntosiamo? mi manda sempre a fuoco il cervello dal nervoso. Tutte le volte mi dico no, basta, non farlo più. (Poi lo rifaccio, va da sé, ma questo è un altro discorso).

Allora, cosa mi ha sconvolto così  tanto qualche sera fa? Ho sentito Maria Elena Boschi parlare. Beh? E ti sei svegliata adesso?  Sì, mi sono resa conto di non averla mai ascoltata. Ho la tendenza a leggere più che altro, non guardo la televisione (quindi non ho occasione di vedere telegiornali e trasmissioni varie) ma solo qualche video dal computer ogni tanto. Sbaglio, in un certo senso, perché attraverso il teleschermo, oltre ai contenuti, è possibile acquisire una serie discretamente ampia di altri elementi, sicuramente necessari alla comprensione. Questa è una (tra le altre) mia debolezza, ma tant’è.  Riprendendo un’immagine famosa, potrei definirmi un pendolo che oscilla incessantemente tra il desiderio di capire e la fatica di reggere mentalmente quel che vedo, passando per brevi momenti  di stupore e furore. In ogni caso, non sono un’estimatrice della ministra Boschi, chi mi conosce lo sa.  E di solito mi imbatto in contenuti scritti che già mi procurano il disagio sufficiente a farmi rendere conto di non condividerne linee, modi, ecc. (e in grado di farmi montare furie varie).  Lunedì 11 gennaio, però, ho deciso di guardare la puntata di Otto e mezzo, condotto da Lilli Gruber e con ospiti Maria Elena Boschi, appunto, e il giornalista Massimo Franco. Tralasciando il focus sulla condivisione o meno dei contenuti – si parlava ovviamente di riforme costituzionali, banche, padri e referendum – (e tralasciando anche il fatto che Massimo Franco ha esercitato un ruolo che si avvicina grossomodo a quello di un manichino), ciò che mi ha sconvolta è stata proprio lei, la ministra, il volto del governo, come si dice. Il personaggio Maria Elena Boschi che si proponeva davanti alla telecamera, si intende: terrificante.

Gruber Boschi

La giornalista Lilli Gruber con la ministra Boschi, tornata in televisione l’11 gennaio a “Otto e mezzo” dopo lo scandalo della Banca Etruria che ha coinvolto il padre.

La mimica facciale, i toni della voce, il modo di legare i contenuti e in un certo senso i contenuti stessi. l’atteggiamento da maestra della scuola per l’infanzia che parla con bambini poco svegli. Tutto cristallizzato in una recita. La sensazione è stata proprio quella di vedere la recita di un’attrice che non sa fare l’attrice, che quindi ripete una serie di battute imparate a memoria, “posizionate” in una sequenza che lega una cosa all’altra in modi che in taluni momenti stonano drammaticamente. Una recita in cui si propone il racconto del nulla condito da sorrisetti, contraddizioni e toni trascinati in una finta diplomazia mielosa, stucchevole. Personalmente trovo tutto questo molto prossimo al grottesco.  Sicuramente, però, il problema sono io che penso solo a criticare, che non vedo mai niente di buono, che faccio sempre le pulci a tutto, eccetera eccetera. Sarà, ma da cittadina non è sicuramente questo ciò che desidero vedere in una ministra della Repubblica e in un certo senso, sì, mi indigno. Il punto della situazione, allora, è che ci stiamo spingendo allegramente nel baratro della banalità. Stiamo continuando a  scivolare in terreni fangosi con un bel sorriso sulle labbra. Terribilmente disarmante.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

#SFF2016

4/5/6 novembre 2016 - Chiostro "Nina Vinchi" - Piccolo Teatro Grassi - Milano

Donne della realta's Blog

Dove sono finite le donne che lavorano, che studiano, che coltivano i sogni con la fatica, che cercano di non piegarsi alla precarietà?

unaeccezione

... avessi più tempo sbaglierei con più calma.

agoradellavoro

Per incontrarsi, ribellarsi, progettare. Accade a Milano

blogcartebollate

il blog di CarteBollate

il ricciocorno schiattoso

ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

Impariamo la Costituzione

un articolo a settimana

Rage against the world

Noi vogliamo uguaglianza con ogni mezzo necessario

dubbi(e)verità

Dubbi e verità o Dubbie verità?

slanthings

we live in an age when unnecessary things are our only necessities

the POP CORNERS

Pop corn d'angolo

Se Non Ora Quando Milano

Se non le donne chi?

RIHLA SAIDA

photoblog of a restless wanderer

Libreria delle Donne Bologna

"C'è tutto ciò che c'è quando ha tutto ciò che ha dove c'è quello che c'è" (G. Stein)

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

giustizia mediazione civile

giustizia e mediazione civile

cronichlesofmari

the open diary of mari key

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: