Un Nobel familiare avvelenato: la lettera a Quasimodo del figlio Alessandro

di Paola Ciccioli

«Milano 9 dicembre 1959

Caro papà,

forse ti stupirà ricevere questa mia a Stoccolma, ma sento il dovere di avvertirti che la mamma ha preso la decisione di chiarire la sua posizione coniugale con te.

Io non posso certo interferire sulla sua volontà, né permettermi di giudicarla. L’avvocato scelto dalla mamma ti scriverà, se già non lo ha fatto.

Con rammarico, affettuosamente.

Sandro»

lettera di Alessandro

La lettera spedita a Salvatore Quasimodo dal figlio Alessandro il giorno prima che il poeta venisse insignito a Stoccolma del Premio Nobel per la letteratura 1959

Dicembre d’uragani e mare avvelenato: allora come ora.

10 dicembre 1959: Salvatore Quasimodo sta per ricevere dal re di Svezia il Premio Nobel per la letteratura. In Italia sono in parecchi a storcere il naso e a rendere più gelida la già fredda aria di Stoccolma che il poeta raggiunge in treno in compagnia della sua segretaria, con la quale ha una relazione intima. Da Milano, mentre il viaggio della consacrazione e della fama è ancora in corso, parte una lettera Urgente all’indirizzo della “Fondazione Nobel, Reale Accademia Svedese, Stoccolma”.

La firma è di Sandro, Alessandro, il figlio bello, alto e con gli occhi del colore del mare avuto dalla seconda moglie, Maria Cumani (E dissi all’amata che in sé agitava un mio figlio…). Non è il terremoto di Messina sintetizzato magistralmente da Quasimodo nel verso dicembre d’uragani e mare avvelenato, ma un terremoto familiare sì.

Con il frac ancora da indossare al cospetto degli osanna internazionali e delle piccinerie nostrane, la donna che per stirare le camicie al futuro Premio Nobel ha fatto rinunce e sfidato convenzioni, gli manda a dire che chiederà la separazione: lei e il loro figlio sono stati esclusi da questo momento decisivo. No, è troppo. Basta.

busta lettera di Alessandro

La busta della lettera “Urgente” con la quale Alessandro Quasimodo comunicava al padre la decisione della madre di separarsi. Il figlio del poeta siciliano ha messo all’asta la medaglia e il diploma del Premio Nobel che ieri, 2 dicembre, sono andati per 100 mila euro a un numismatico fiorentino

Quando ho saputo che Alessandro Quasimodo aveva messo all’asta la medaglia e il diploma del Nobel a suo padre, ho provato una fitta di dolore. In ore e ore di conversazioni, tutte registrate, Alessandro è riuscito a farmi comprendere, com’era nei miei desideri, quanto duro, difficile, tortuoso e ostinato sia stato il percorso personale e creativo del poeta siciliano. E quanto in alto sapesse arrivare con i propri versi, e quanto in basso – a volte – con i propri comportamenti, inseguito e inseguitore di passioni, amori, abbagli, infedeltà. Al punto che quella povera e tanto agognata medaglia era già stata venduta da una donna alla quale Quasimodo l’aveva lasciata. E che proprio Alessandro aveva riacquistato con dedizione, cura e sacrificio, gli stessi che lo portano ancora in giro per l’Italia e per il mondo a far conoscere l’arte paterna.

E ho portato il tuo nome/un po’ più in là dell’odio e dell’invidia recita un verso di Salvatore dedicato al padre, umile ferroviere. Ma in questo dicembre 2015, ancora una volta di uragani e mare avvelenato, il confine che Quasimodo credeva di aver superato per sempre grazie al Premio Nobel forse non è mai stato davvero superato.

2 Risposte

  1. quante volte? molte volte… troppe volte un grande artista non è un grande uomo, ed è capace di mettere in moto una inarrestabile catena di sentimenti negativi difficile, molto difficile da spezzare. La nostra amica Paola ce lo ricorda magistralmente

    Mi piace

  2. Il novembre 1961, Salvatore Quasimodo è venuto a Barcellona invitato dall’Istituto Italiano di Cultura. Io allora lavoravo lì e lo ricordo accompagnato di una donna molto più giovane di lui. La mia memoria fallisce, ma direi che l’ha presentata come una sua “nipote”. Poi qualcuno mi ha dettot che no fosse una nipote ma qualche cosa altro e che di solito lo accompaganva nei suoi viaggi.

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

#SFF2016

4/5/6 novembre 2016 - Chiostro "Nina Vinchi" - Piccolo Teatro Grassi - Milano

Donne della realta's Blog

Dove sono finite le donne che lavorano, che studiano, che coltivano i sogni con la fatica, che cercano di non piegarsi alla precarietà?

unaeccezione

... avessi più tempo sbaglierei con più calma.

agoradellavoro

Per incontrarsi, ribellarsi, progettare. Accade a Milano

blogcartebollate

il blog di CarteBollate

il ricciocorno schiattoso

ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

Impariamo la Costituzione

un articolo a settimana

Rage against the world

Noi vogliamo uguaglianza con ogni mezzo necessario

dubbi(e)verità

Dubbi e verità o Dubbie verità?

slanthings

we live in an age when unnecessary things are our only necessities

the POP CORNERS

Pop corn d'angolo

Se Non Ora Quando Milano

Se non le donne chi?

RIHLA SAIDA

photoblog of a restless wanderer

Libreria delle Donne Bologna

"C'è tutto ciò che c'è quando ha tutto ciò che ha dove c'è quello che c'è" (G. Stein)

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

giustizia mediazione civile

giustizia e mediazione civile

cronichlesofmari

the open diary of mari key

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: