«Sembrava dormisse»: la sera in cui ho perso il mio bambino

di Luca Bartolommei

Luca Bartolommei

Luca Bartolommei

È vero, sono un uomo molto distratto, lascio ovunque qualsiasi cosa, dimentico appuntamenti, lezioni, dove ho parcheggiato l’automobile, eventi, compleanni, insomma, un vero disastro.

Ho perso il perdibile, portafogli, telefoni cellulari, chiavi varie, ombrelli, paia di scarpe a cui tenevo molto, camicie, perfino una protesi dentale d’emergenza (creandone un’altra…).

Ma la sera del 26 agosto 2010 non mi pareva d’aver commesso alcuna distrazione, mentre mi stavo incamminando verso un locale all’Isola, per farmi una birra rossa rinfrescante; squilla il cellulare:

«Ciao, sono io (la mia ex moglie), Umberto (nostro figlio) è all’ospedale, si è sentito male durante l’allenamento».

«Porcogiuda, la macchina l’ho prestata a lui», dico, «puoi passare tu da me?».

Pochi minuti e siamo alla Multimedica a Cinisello Balsamo.

Compagni di squadra (calcio) affranti, medico della squadra che mi dice poche parole, entriamo nell’astanteria del Pronto soccorso. Poco dopo escono il medico della società e un giovane medico in camice verde che dice con voce malferma: «Vostro figlio è arrivato da noi in arresto cardiaco; abbiamo tentato in tutti i modi di rianimarlo, ma non si è ripreso», io «È morto?», «Sì». Sembrava una scena tratta da E.R., ma stavolta era reale.

Lei si accascia, sorretta dal medico della squadra, che (padre di uno dei compagni di Umberto) non aveva avuto la forza di darci la notizia poco prima, su una di quelle panche di alluminio che si trovano negli ospedali; io mi siedo lentamente e mi rendo conto del fatto che quella sera avevo, come si dice, semplicemente perso mio figlio; non l’avevo dimenticato, non l’avevo, pensando a chissà cosa o chi, abbandonato sulla poltrona in una sala d’attesa, in un cinema, lasciato distrattamente sul sedile posteriore di un taxi, in una tabaccheria; l’avevo proprio perso, morto a ventuno anni, in un campo di calcio di periferia.

«Il mio bambino, il mio bambino», grida lei; ce lo fanno vedere, avvolto in un lenzuolo azzurro, «Svegliati! Umberto, svegliati! Sono la mamma». In effetti, sembrava dormisse.

Dopo l’arrivo di parenti vari, ecco il momento in cui i compagni di squadra, muti, mi consegnano il borsone (così si chiama) contenente gli effetti personali, portafogli, cellulare, scarpe varie, parastinchi, maglie da gioco, accappatoio, vestiti che indossava all’arrivo al campo d’allenamento, chiavi dell’auto.

Guidando, da solo, fino a casa mia, dove m’aspettava la mia compagna d’allora, decisi che avrei continuato a vivere; sono tuttavia convinto del fatto che qualcun altro abbia deciso insieme a me, forse, per me.

Umberto Bartolommei nella sua ultima festa con gli amici in casa del padre Luca. Studente universitario con la passione del pallone, è stato il "bomber" del Niguarda Calcio

Umberto Bartolommei nella sua ultima festa con gli amici in casa del padre Luca. Studente universitario con la passione del pallone, è stato il “bomber” del Niguarda Calcio

Il 26 agosto 2015 ho “postato”, per la prima volta, su Facebook qualcosa a ricordo dell’orrendo anniversario.

Immagini, con qualche commento a margine, d’una cena a casa mia, ovviamente in mia assenza, di Umberto e i suoi amici, prima della partenza per una vacanza in Canada insieme con la sua ragazza.

Ultima cena? Pare di sì. A pochi giorni dal ritorno, è partito per il viaggio più misterioso che si possa fare.

Stavolta, ho gridato, sì, anch’io: «Il mio bambino, era il mio bambino». Sono stato abbracciato, e questa è una bella fortuna, dalle ali di un angelo che mi sfioravano, a proteggermi e sostenermi.

M’informerò sui dettagli di quel viaggio in Canada, voglio, appena possibile, ripercorrere i suoi passi; me l’ha suggerito l’angelo.

Visto che t’ho perso, figlio mio, voglio almeno provare a ritrovarti.

Saravà, Umbe.

Papà Luca.

2 Risposte

  1. Non ci sono parole oltre alle tue, Luca. Ma le tue, nella loro drammaticità, sono preziose. Un abbraccio,
    Angela

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

#SFF2016

4/5/6 novembre 2016 - Chiostro "Nina Vinchi" - Piccolo Teatro Grassi - Milano

Donne della realta's Blog

Dove sono finite le donne che lavorano, che studiano, che coltivano i sogni con la fatica, che cercano di non piegarsi alla precarietà?

unaeccezione

... avessi più tempo sbaglierei con più calma.

agoradellavoro

Per incontrarsi, ribellarsi, progettare. Accade a Milano

blogcartebollate

il blog di CarteBollate

il ricciocorno schiattoso

ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

Impariamo la Costituzione

un articolo a settimana

Rage against the world

Noi vogliamo uguaglianza con ogni mezzo necessario

dubbi(e)verità

Dubbi e verità o Dubbie verità?

slanthings

we live in an age when unnecessary things are our only necessities

the POP CORNERS

Pop corn d'angolo

Se Non Ora Quando Milano

Se non le donne chi?

RIHLA SAIDA

photoblog of a restless wanderer

Libreria delle Donne Bologna

"C'è tutto ciò che c'è quando ha tutto ciò che ha dove c'è quello che c'è" (G. Stein)

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

giustizia mediazione civile

giustizia e mediazione civile

cronichlesofmari

the open diary of mari key

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: