L’universo si rifugia nello stupore di bambine e bambini

di Leonardo Vittorio Arena*

_Bambini BBC

Bambini che scappano dalla guerra e bambini che muoiono durante la fuga: questo documentano i media. Ma in Siria la tragedia più grande si consuma ogni giorno silenziosamente e riguarda oltre 7 milioni di persone: sono gli sfollati che non hanno neppure la possibilità di tentare di raggiungere l’Europa (fonte:http://www.bbc.com/news/world-middle-east-34189117)

Un bimbo si meraviglia dell’esistenza delle cose.

E prova stupore, davanti ad ogni tramonto.

È lui il destinatario ideale di molte dottrine dello spirito, come il Taoismo e lo Zen.

Egli è capace di prestazioni che un adulto non saprebbe effettuare: per esempio, piange per un giorno intero senza diventare rauco, come sottolinea Lao-Tzu.

Questo perché non ha ancora smarrito la spontaneità, ed è assai vicino all’origine dell’universo, il Tao ineffabile, inaccessibile agli intellettuali.

Da qui il monito dei maestri a recuperare mentalmente la condizione della fanciullezza, in cui non si era condizionati da ideali culturali né dalla frenetica ricerca del successo.

Giocando, il bambino manipola il mondo.

Eppure non lo ferisce: non altera l’equilibrio delle cose.

Anzi lo lascia com’è, permettendo all’esistenza di conservare il senso del mistero.

Il lattante che sorride per un nonnulla, lo sciocco che vaga nel mondo senza mèta, il rustico che contempla l’avvicendarsi delle stagioni senza porsi domande…

Sono questi i tipi ideali dello Zen, in stretto contatto con la naturalezza.

Le loro menti sono come tazzine vuote.

Qualsiasi liquido vi si può versare, senza rischio che trabocchino.

alan-kurdi

«The family of three-year-old Alan Kurdi, for example, had tried moving around Syria before they finally decided to leave. They had moved from the Syrian capital, Damascus, to Aleppo and then to Kobane». Come riferisce la Bbc nel servizio che abbiamo linkato sopra, la famiglia del bambino siriano di 3 anni trovato morto su una spiaggia di Bodrum, in Turchia, faceva parte dei cosiddetti rifugiati interni (più precisamente “internally displaced people”, ammassati in gigantesche e inaccessibili tendopoli

* Da “Diario Zen”, a cura di Leonardo Vittorio Arena (Biblioteca Universale Rizzoli, 1995). Un libro che mi ha seguito fin qui e di cui soltanto ora mi sento in grado compiutamente di cogliere e sviluppare le tante sollecitazioni.  Alle bambine e ai bambini abbiamo appena dedicato uno spazio speciale del blog: si chiama “Dalla loro parte” e lo trovate in alto a destra sotto la nostra Agenda “Oggi e dintorni”. Visto che stiamo per costituirci in Associazione, nel nostro statuto inseriremo anche una voce specifica dedicata alle attività a sostegno (e in difesa) dell’infanzia. 

Grazie a Luca Bartolommei che, a distanza, ha recuperato e trascritto questa pagina.

(Paola Ciccioli)

Una Risposta

  1. Maria Elena Sini ha postato sulla sua bacheca Fb questo bel video di Internazionale su Lao Tsu (la grafìa è incerta) e il Taoismo:
    http://www.internazionale.it/video/2015/09/11/lao-tsu-ansia-quiete

    È bello e utile. Grazie, Maria Elena.

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

#SFF2016

4/5/6 novembre 2016 - Chiostro "Nina Vinchi" - Piccolo Teatro Grassi - Milano

Donne della realta's Blog

Dove sono finite le donne che lavorano, che studiano, che coltivano i sogni con la fatica, che cercano di non piegarsi alla precarietà?

unaeccezione

... avessi più tempo sbaglierei con più calma.

agoradellavoro

Per incontrarsi, ribellarsi, progettare. Accade a Milano

blogcartebollate

il blog di CarteBollate

il ricciocorno schiattoso

ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

Impariamo la Costituzione

un articolo a settimana

Rage against the world

Noi vogliamo uguaglianza con ogni mezzo necessario

slanthings

we live in an age when unnecessary things are our only necessities

the POP CORNERS

Pop corn d'angolo

Se Non Ora Quando Milano

Se non le donne chi?

RIHLA SAIDA

photoblog of a restless wanderer

Libreria delle Donne Bologna

"C'è tutto ciò che c'è quando ha tutto ciò che ha dove c'è quello che c'è" (G. Stein)

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

giustizia mediazione civile

giustizia e mediazione civile

cronichlesofmari

the open diary of mari key

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: