Mestieri “adatti” alle donne (e giornalisti “inadatti” al pensiero?)

di Roberta Valtorta*

Roberta Valtorta

Roberta Valtorta

Possibile che esista ancora gente che pensa alle donne come a deboli creature da relegare in casa tra fornelli e pargoli? Sì, purtroppo è possibile. Forse la vera domanda che dovrei pormi è perché mi stupisco ancora, ma partiamo dall’inizio.

Anzi, torniamo al 22 settembre 2014 quando Elisa De Bianchi, trentatreenne autista dell’azienda di trasporti pubblici romana, è stata aggredita da una trentina di uomini durante il proprio turno di lavoro, mentre era alla guida del suo bus. Un po’ per curiosità, o forse per masochismo, e un po’ per la sensazione che avrei trovato qualcosa di tristemente raccapricciante, ho deciso di rovistare fra quotidiani cartacei e online: il risultato ha brutalmente sconfitto anche le mie peggiori aspettative.

Certo, sono consapevole che parlare di sessismo in relazione a determinati giornalisti sia un po’come scoprire l’acqua calda, ma è stato più forte di me e quando Paola mi ha chiesto se avessi visto o letto qualcosa degno di riflessione, il pensiero a un’altra Preghiera di Camillo Langone è stato immediato.

Elisa de Bianchi

Elisa De Bianchi, l’autista dell’Atac aggredita «Erano in 30, nessuno mi ha aiutata». Sassi e bottiglie contro il mezzo sul percorso verso Tivoli. Lei chiusa dentro in lacrime «Ho chiamato un collega, gli ho chiesto di salvarmi». (da http://www.corriere.it)

Se nel suo pezzo sul Foglio del 23 settembre 2014, facendo riferimento alla giovane autista aggredita, lui chiede: «Perché una trentenne a quell’ora (le 19.30, ndr) non è a casa coi figli, o con i genitori, oppure in centro con le amiche o con un uomo?», allora io domando: che altro avrebbe dovuto mai fare una trentenne, a quell’ora, per dare da mangiare ai figli, se non svolgere il suo lavoro? Ancora una volta, purtroppo, la soluzione che si propone e che sembra essere la più adatta ad arginare i fenomeni di violenza, è quella di redarguire la vittima circa i suoi atteggiamenti e le sue abitudini.

La Preghiera prosegue e si legge: «Per Elisa vittima […] della mascolinizzazione, l’idea che una donna debba accettare qualsiasi lavoro, ancorché pericoloso e usurante.» Non è mai passato per la testa all’autore del pezzo che forse Elisa desideri fare il lavoro che fa? È tanto sorprendente pensare che una donna voglia guidare un autobus?

Il meglio di sé, però, Langone lo dà più avanti, accennando a quello che secondo lui è un «problema di ordine mentale»: «[…] possibile si ritenga normale che una donna guidi un autobus?» Già, chi l’avrebbe mai detto che anche noi donne siamo dotate di gambe e piedi per schiacciare tre pedali, di due braccia e due mani per tenere il volante e per cambiare marcia, nonché di capacità visuo-spaziali per orientarci? Lo so, potrà sembrare sconvolgente per certi maschietti, ma sì, esistono donne (non è sicuramente il mio caso e chi mi conosce lo sa bene, ma questa è tutta un’altra storia!) che sono in grado di guidare magistralmente, addirittura meglio del cosiddetto “sesso forte”. E perché no, anche un autobus, con tutti i rischi che il mestiere comporta. Anche le donne sanno guidare e, soprattutto, anche le donne sanno gestire situazioni potenzialmente pericolose: se quella sera ci fosse stato un uomo al volante, sarebbe forse riuscito a fare qualcosa di più contro trenta uomini forsennati e armati di sassi e bottiglie di birra vuote? Ne dubito fortemente.

Al di là di quanto scritto fino ad ora, però, ciò che ritengo importante sottolineare è il modo tutto particolare in cui l’autore vittimizza la donna: per il giornalista, infatti, anziché essere la vittima dell’aggressione subita, Elisa lo è del mestiere svolto che Langone dà per scontato sia imposto e non scelto.

La giovane, in fin dei conti, un po’ se l’è cercata: se sei donna, perché uscire la sera quando puoi stare a casa, al sicuro fra figli e fornelli? Elisa è quasi colpevole, ma al contempo vittima di un mestiere sbagliato che andrebbe corretto, esaudendo così la triste Preghiera de Il Foglio: «pregando che il futuro le riservi serate più romantiche, un lavoro più adatto al suo nome».

*Meglio soffermarsi su questa riflessione di Roberta Valtorta dopo aver letto il suo post (che trovate tradotto anche in inglese) È una prostituta, dunque di “sua proprietà: fogli e quotidiani italiani alla deriva. L’attenzione di Roberta al linguaggio sessista dei giornali l’ha ormai fatta diventare una aficionada (per così dire) di Camillo Langone che, segnala l’autrice del post, ha prodotto un’altra pregevole perla a proposito dell’8 marzo. Ovviamente, così come facciamo con le immagini, anche per le parole dosiamo col misurino (e soltanto se strettamente necessario) quelle offensive e/o volgari. Ecco spiegato perché non  ripubblichiamo i testi integrali delle “preghiere tossiche”.

10 Risposte

  1. Divento sempre più convinta che a questo individuo venga dato spazio mediatico sulla “testata” in cui scrive proprio nella certezza dei click che raccoglieranno i suoi deliri.

    Mi piace

  2. Temo che tu abbia pienamente ragione, Paola. Ciao!

    Mi piace

  3. Uno dei problemi della nostra società è che spesso il sessismo, quello “assurdo” e “inverosimile”, come in questo caso, non è preso sul serio, anche se purtroppo è reale e subdolamente cresce nella testa di chi scrive (e di chi legge) certi articoli. Grazie Roberta di non far passare tutto questo inosservato!

    Mi piace

  4. Ah perché se invece fosse capitato a un uomo di essere aggredito da una trentina di persone andava bene per questo giornalista?

    Mi piace

    • E’ la stessa domanda che mi sono posta anche io quando ho letto il pezzo. Langone accenna al fatto che si tratti di un problema di ordine pubblico, ma poi continua focalizzandosi solo sull’importanza di quello che per lui è il vero nodo della questione, ossia il problema di ordine mentale. Trovo tristemente assurdo che in un fatto di cronaca come questo ci si fossilizzi sul genere sessuale della vittima: che importanza potrà mai avere che a subire l’aggressione sia stata una donna piuttosto che un uomo?

      Mi piace

  5. Ho notato che ultimamente, tutto ciò che fa poco politically correct, fa molto figo. Se parli male delle donne magari “riscoprendo” vecchi pregiudizi e stereotipi hai subito consensi, se poi parli male delle femministe, qui parte la “ola” . senza dimenticare una spruzzatina di razzismo e omofobia quanto basta.. da un paio di anni ho chiuso il mio profilo su facebook perché mi ero stancata di certe bassezze umane, che comunque poi ho ritrovato in rete nei vari commenti. Da un po’ di tempo ho preso l’abitudine di collezionare alcuni di questi commenti, per lo meno i più significativi, che riguardano le donne o il femminismo in genere. Esempio questo, postato da un signore che si fa chiamare: innocuo79….” beh questo processo si chiama femminismo,ed è stato inventato da donne ebree e sioniste (le fondatrici del femminismo) proprio per indebolire la società occidentale non ebraica, e dominarla meglio.” Un po’ di antisemitismo e ignoranza storica non guasta mai.
    Si dirà, ma questo è un commento, ma mi chiedo, se certi giornalisti o presunti tali scrivono quello che scrive Langone, il cretino qualsiasi cosa deve scrivere?

    Mi piace

    • “Ho notato che ultimamente, tutto ciò che fa poco politically correct, fa molto figo.” Assolutamente sì e, rimanendo sul discorso “social”, proprio di recente ho letto dei commenti da brivido ad un’altra Preghiera di Langone (stranamente!) sessista. Siamo al livello di: “La sua scorrettezza politica è davvero ammirevole!” o “Spettacolare!”

      Mi piace

  6. Uno sciocco scrive e non solo per sé, ma su di un giornale, quindi ci sono un caporedattore, un editore che lo lasciano fare e prende anche uno stipendio per vivere e continuare a fare danni. Magari tiene famiglia e c’è una donna che lo aspetta la sera e magari condivide le sue idee. E ci sono tante donne che lasciano correre commenti, complimenti non graditi, battute becere e sessiste. In questo brodo restano a cuocere le donne che puntualizzano sempre, che non ridono comunque, che non sbatacchiano le ciglia, che rispettano gli uomini e pretendono rispetto. Quante energie si sprecano a parlare agli imbecilli che non hanno alcun interesse a cambiare, ci parlassero gli uomini saggi e civili che non basta essere saggi e civili se non ci mettono le mani e il cuore nel marcio dei fratelli violenti e stupidi e vediamo di cambiare la zavorra femminile che quando si parla loro di femminismo concreto arretrano come se le idee, le parole, la storia fossero cose vecchie e loro da mò che sono avanti.

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

#SFF2016

4/5/6 novembre 2016 - Chiostro "Nina Vinchi" - Piccolo Teatro Grassi - Milano

Donne della realta's Blog

Dove sono finite le donne che lavorano, che studiano, che coltivano i sogni con la fatica, che cercano di non piegarsi alla precarietà?

unaeccezione

... avessi più tempo sbaglierei con più calma.

agoradellavoro

Per incontrarsi, ribellarsi, progettare. Accade a Milano

blogcartebollate

il blog di CarteBollate

il ricciocorno schiattoso

ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

Impariamo la Costituzione

un articolo a settimana

Rage against the world

Noi vogliamo uguaglianza con ogni mezzo necessario

dubbi(e)verità

Dubbi e verità o Dubbie verità?

slanthings

we live in an age when unnecessary things are our only necessities

the POP CORNERS

Pop corn d'angolo

Se Non Ora Quando Milano

Se non le donne chi?

RIHLA SAIDA

photoblog of a restless wanderer

Libreria delle Donne Bologna

"C'è tutto ciò che c'è quando ha tutto ciò che ha dove c'è quello che c'è" (G. Stein)

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

giustizia mediazione civile

giustizia e mediazione civile

cronichlesofmari

the open diary of mari key

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: