«Facteur ne fais pas joujou»

par Marcel Proust*

_Tour Eiffel

La Tour Eiffel spenta ieri sera alle 20 in segno di lutto per la strage nella redazione del settimanale satirico “Charlie Hebdo” e per lo sconvolgente attacco alla libertà di espressione. Dei francesi e dell’intera umanità (immagine da http://www.bbc.com/)

 

ADRESSES

 

Facteur d’un pied rythmique il faut que tu t’en ailles

Cent neuf, au bout de l’avenue Henri Martin

Porter ce mot à la Comtesse de Noailles

Qu’aiment le mélitot, la carotte et le thym.

 

Facteur si tu n’es pas un sot

Dans la rue – oui! dirait Beaunier – Monceau

Je ne doute pas que tu trouves

En train de lire Sainte-Beuve

Ou Nietche, au 31, la Veuve.

 

D’un rapide, ô facteur comme une aile

Vole rue (au   ) de Grenelle

Remets ce mot à la Fitz-James

Mais sur mon âme éternelle

J’aime encore mieux Francis Jammes.

 

Facteur ne fais pas joujou

J’ai tracé, relu, signé

Ce mot pur la Chevigné

Sa rue est maintenant (au 10) celle d’Anjou

Facteur tu me sembles loustic…

 

Facteur trouve au 102 du Boulevard Houssmann

Proust qui fut, l’autre siècle, épris de Laure Hayman

 

Facteur trouve au 102 du Boulevard Haussmann

Un Marcel Proust barbu comme Léandre Helmann

 

Marcel Proust (au 102 du Boulevard Haussmann)

Se lève – et non pas couche, avec Lili Lehmann

 

Marcel Proust, au 102 du Boulevard Haussmann

A quelques qualité, mai l’on préfère Hermann.

 

Proust habite au 102 du Boulevard Haussmann

Plus ardant pour Ormuz et lassé d’Arriman.

 

Traduzione in italiano

_Tour Eiffel

 

 

INDIRIZZI

 

Postino con ritmico piede bisogna che tu vada

al centonove in capo al viale Henri Martin

a portare questo biglietto alla Contessa di Noailles

dal meliloto, dalla carota e dal timo molto amata.

 

Postino se non sei un insipiente

in via – sì! direbbe Beaunier – Monceau

sono sicuro che trovi, intenta

a leggere Sainte-Beuve

o Nietzsche, al 31, la Vedova.

 

Sfreccia, o postino, come un’ala

in via (al   ) de Grenelle

porta queste due parole alla Fitz-James

sebbene per l’anima mia eterna

mi sia molto più caro Francis Jammes.

 

Postino non ti gingillare

ho vergato, riletto, firmato

due parole per la Chevigné

la sua vita è ora (al 10) quella di Anjou

postino mi sembri un po’ svagato…

 

Postino trovami al 102 del Boulevard Haussmann

Proust che lo scorso secolo s’innamorò di Laure Hayman

 

Postino trovami al 102 del Boulevard Haussmann

un Marcel Proust barbuto come Léandre Helmann

 

Marcel Proust (al 102 del Boulevard Haussmann)

si alza – e non si corica, con Lilì Lehmann

 

Marcel Proust, al 102 del Boulevard Haussmann

ha qualche qualità, ma gli si preferisce Hermann

 

Proust abita al 102 del Boulevard Haussmann

più ardente per Ormuz e stufo di Arriman.

_Tour Eiffel* Non riesco a dirlo, se non con la poesia, che è parola del profondo. E mentre seguo, come tutti noi, la caccia ai sospettati della strage di mercoledì 7 gennaio nella redazione del settimanale satirico “Charlie Hebdo”, da quel che si è sedimentato in me di Parigi emergono il suono di una lingua charmante, l’emozione della prima volta lì, giovanissima, lo stupore nel museo del Louvre, le letture compagne di vita, gli incontri, quell’albergo in rue Lepic, la disfatta di Jospin, il Sancerre, l’ostinazione di imparare, l’incanto di donne abituate anche alla libertà di scegliere una gonna o un cappello. La rosa appena lasciata da chissà chi sulla tomba di Marie Duplessis (La Traviata) a Montmartre…

Con questa poesia di Proust è come riattraversare – insieme con il suo postino – una Parigi che non c’è né ci sarà mai più, se non nella nostra immaginazione. È tratta dalla raccolta “Marcel Proust, Poesie” (Feltrinelli, 1993), introduzione di Luigi de Nardis, traduzione e cura di Luciana Frezza. In una nota viene spiegato che “Adresses” è un «Pastiche del mallarmeano Adresses ou Les loisirs de la poste. Talvolta Proust mandava le sue lettere ricoprendone le buste di versi (un’anticipazione di mail-art?), in cui il fattorino doveva decifrare l’indirizzo del destinatario. Seconda strofa: la Veuve è Madelaine Lemaire. Nietche è scritto così».

Scorrendo la nostra Agenda “Oggi e dintorni”, troverete le informazioni sulla manifestazione È il momento di #StareInsieme organizzata per domani a Milano e sulla “Marche Républicaine” di domenica 11 gennaio nella capitale francese.

(Paola Ciccioli)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

#SFF2016

4/5/6 novembre 2016 - Chiostro "Nina Vinchi" - Piccolo Teatro Grassi - Milano

Donne della realta's Blog

Dove sono finite le donne che lavorano, che studiano, che coltivano i sogni con la fatica, che cercano di non piegarsi alla precarietà?

unaeccezione

... avessi più tempo sbaglierei con più calma.

agoradellavoro

Per incontrarsi, ribellarsi, progettare. Accade a Milano

blogcartebollate

il blog di CarteBollate

il ricciocorno schiattoso

ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

Impariamo la Costituzione

un articolo a settimana

Rage against the world

Noi vogliamo uguaglianza con ogni mezzo necessario

slanthings

we live in an age when unnecessary things are our only necessities

the POP CORNERS

Pop corn d'angolo

Se Non Ora Quando Milano

Se non le donne chi?

RIHLA SAIDA

photoblog of a restless wanderer

Libreria delle Donne Bologna

"C'è tutto ciò che c'è quando ha tutto ciò che ha dove c'è quello che c'è" (G. Stein)

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

giustizia mediazione civile

giustizia e mediazione civile

cronichlesofmari

the open diary of mari key

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: