«Finalmente ho pianto»

di Giuseppe Di Modugno*

GIARDINI DIAZ

giardini diaz

I Giardini Diaz di Macerata. Con un grazie e gli auguri di Buon Anno a Loretta Bentivoglio dell’ufficio stampa del Comune che ci ha fornito l’immagine

Ti ho incontrata per caso

tra i fiori di maggio

ho affrettato il passo

volevo guardarti in viso

temendo di sbagliare

invece eri proprio tu

racchiusa in un piccolo

raggio di sole

riflesso negli occhi innocenti

ridenti della mia bimba

tra le auto e i cavallini

della giostra ai Giardini Diaz

e tutto il mondo

girava in quel sorriso

Sottile gioia

in quel piccolo

raggio di sole

sei rimasta con me

tutta la sera

tra i bicchieri di vino

rosso rubino

al suono delle chitarre

di voci amiche al canto

poi

finalmente ho pianto

l'inganno felice* Questa poesia è tratta da “L’inganno felice”, raccolta che Giuseppe Di Modugno, anzi Pino, ha fatto stampare in 500 copie per farne dono agli amici (in mezzo ai quali, con gioia, anche la sottoscritta). È un canto lieve dedicato a una figlia e alla scoperta della felicità.

Giornalista, scrittore, cultore di storia, paesaggio e bellezza locale maceratese, musicista, autore di canzoni e tanto altro, Pino mi ha spiegato in un messaggio Facebook: «Come è scritto nelle “Istruzioni per l’uso” della raccolta, il superamento dell’inganno (“felice”, ma “inganno”) per me è avvenuto con il recupero del sentimento e delle emozioni attraverso (anche) eventi che, pur nella loro normalità, si sono rivelati man mano speciali.
“Giardini Diaz” si riferisce alla scoperta della felicità, “incontrata per caso” nel condurre mia figlia Stella (ora trentaquattrenne, ma allora di circa 5 anni) di domenica mattina ai giardini pubblici di Macerata, dove era situata una giostra con cavallini, che a lei piaceva molto.
Guardando lei che si divertiva sulla giostra ho provato anch’io una gioia profonda, sottile e immensa. Poi la sera, ritrovandomi in compagnia con un gruppo di amici, tra un bicchiere di vino ed un canto accompagnato da chitarre, la felicità di quel giorno ha raggiunto l’apice.
E ho pianto, naturalmente di gioia.
Cose semplici, ma importanti…
E, spero, universali».

La sua dedica a me porta la data del 19 settembre 2013

(Paola Ciccioli)

Una Risposta

  1. Vedo che ti è rimasta impressa…

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

#SFF2016

4/5/6 novembre 2016 - Chiostro "Nina Vinchi" - Piccolo Teatro Grassi - Milano

Donne della realta's Blog

Dove sono finite le donne che lavorano, che studiano, che coltivano i sogni con la fatica, che cercano di non piegarsi alla precarietà?

unaeccezione

... avessi più tempo sbaglierei con più calma.

agoradellavoro

Per incontrarsi, ribellarsi, progettare. Accade a Milano

blogcartebollate

il blog di CarteBollate

il ricciocorno schiattoso

ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

Impariamo la Costituzione

un articolo a settimana

Rage against the world

Noi vogliamo uguaglianza con ogni mezzo necessario

dubbi(e)verità

Dubbi e verità o Dubbie verità?

slanthings

we live in an age when unnecessary things are our only necessities

the POP CORNERS

Pop corn d'angolo

Se Non Ora Quando Milano

Se non le donne chi?

RIHLA SAIDA

photoblog of a restless wanderer

Libreria delle Donne Bologna

"C'è tutto ciò che c'è quando ha tutto ciò che ha dove c'è quello che c'è" (G. Stein)

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

giustizia mediazione civile

giustizia e mediazione civile

cronichlesofmari

the open diary of mari key

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: