Parole di donne a voce alta

di Angela Giannitrapani  

Foto di Valeria Sinesi e Katia Zambelli

5 Bookcity CdD BettyGilmore

La poetessa Betty Gilmore mentre legge alcune delle sue poesie dal volume ‘Bitter pill’

La Casa delle donne di Milano, a poco più di un anno dalla sua fondazione, ha debuttato in BookCity, la manifestazione dedicata ai libri che, anche nell’edizione 2014, ha “invaso” la città con incontri con gli autori e le loro parole.

2 Bookcity CdD NicolettaGandus

La ex magistrata Nicoletta Gandus legge ‘Lascia che il mare entri’ di Barbara Balzerani

Sabato 15 novembre, alle 18,30, sotto un diluvio memorabile, le porte della Casa si sono aperte ad ombrelli e figure imbacuccate e gocciolanti. Ad accoglierle le socie e il gruppo, interno alla Casa, Libr@rsi, che ha organizzato la lettura Parole Incarnate. La sala si è riempita in fretta e Francesca Amoni, che guida il gruppo, ha salutato le presenti e i presenti (qualche uomo al seguito della compagna) con brevi e significative parole.

«La Casa è un incrocio nel quale si incontrano le donne di tutte le età, di tutte le soggettività, native e migranti», dice Francesca. Poi aggiunge: «Le donne non parlano dei loro corpi ma i corpi parlano di loro e si esprimono attraverso la scrittura». L’evento, infatti, è stato un susseguirsi di letture di brani tratti da otto libri di donne. Le autrici hanno voci diverse, dalla narrativa alla poesia, alla saggistica.

3 Bookcity CdD LeaMelandri

Lea Melandri, una delle “madri” del femminismo italiano, legge se stessa da “Amore e Violenza”

Tre le autrici presenti, di cui due a leggere se stesse: Betty Gilmore e Lea Melandri. Le altre lette da voci professioniste e non; tutte dense, tutte a penetrare parole e frasi corpose che sembravano, però, avere la leggerezza e l’armonia della musica, perfino nei toni dolorosi ma anche in quelli ironici e taglienti. Sapiente la progressione dei brani che ha dato il senso di un coro, piuttosto che quello di un collage. L’ultimo suono è stato quello del pubblico, perlopiù di un intenso e attento silenzio ma anche di un complice sorriso, quando i testi lo richiamavano.

La scrittura delle donne, i loro corpi, il loro essere al mondo nella lettura ad alta voce di altre donne, per dire di sé con eleganza e intensità.

6 Bookcity CdD LuciaVasini

L’attrice Lucia Vasinii e ‘Ferite a morte’ di Serena Dandini

Di seguito i testi e le autrici di cui sono stati letti i brani:

La vita accanto di Mariapia Veladiano (Einaudi stile libero)

La coda della cometa, a cura di Luisa Fressoia (Alieno editrice)

Lascia che il mare entri di Barbara Balzerani (Derive Approdi)

Bitter pill di Betty Gilmore-Steve Piccolo (Cox 18)

Fra-intendimenti di Kaha Mohammed Aden (Nottetempo)

Amore e violenza di Lea Melandri (Bollati Boringhieri)

Nuda di Michela Pagarini (Ebook: epub Robin Edizioni)

Ferite a morte di Serena Dandini (Rizzoli)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

#SFF2016

4/5/6 novembre 2016 - Chiostro "Nina Vinchi" - Piccolo Teatro Grassi - Milano

Donne della realta's Blog

Dove sono finite le donne che lavorano, che studiano, che coltivano i sogni con la fatica, che cercano di non piegarsi alla precarietà?

unaeccezione

... avessi più tempo sbaglierei con più calma.

agoradellavoro

Per incontrarsi, ribellarsi, progettare. Accade a Milano

blogcartebollate

il blog di CarteBollate

il ricciocorno schiattoso

ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

Impariamo la Costituzione

un articolo a settimana

Rage against the world

Noi vogliamo uguaglianza con ogni mezzo necessario

dubbi(e)verità

Dubbi e verità o Dubbie verità?

slanthings

we live in an age when unnecessary things are our only necessities

the POP CORNERS

Pop corn d'angolo

Se Non Ora Quando Milano

Se non le donne chi?

RIHLA SAIDA

photoblog of a restless wanderer

Libreria delle Donne Bologna

"C'è tutto ciò che c'è quando ha tutto ciò che ha dove c'è quello che c'è" (G. Stein)

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

giustizia mediazione civile

giustizia e mediazione civile

cronichlesofmari

the open diary of mari key

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: