Dos cuerpos

Octavio Paz*

il-bacio

Constantin Brâncuşi, “Il bacio” (1908) http://www.treccani.it/enciclopedia/constantin-brancusi/

DOS CUERPOS

Dos cuerpos frente a frente
son a veces dos olas
y la noche es océano.

Dos cuerpos frente a frente
son a veces dos piedras
y la noche desierto.

Dos cuerpos frente a frente
son a veces raíces
en la noche enlazadas.

Dos cuerpos frente a frente
son a veces navajas
y la noche relámpago.

Dos cuerpos frente a frente
son dos astros que caen
en un cielo vacío.

 

*È domenica, giorni particolarmente impegnativi alle spalle: un’altra poesia per riprendere fiato. Questa è arrivata prima via mail nel cuore dell’agosto milanese  da Francesco Pulitanò – «Ciao Paola, ti inoltro due poesie (molto belle a mio parere) di un premio Nobel ispano-americano (il messicano Octavio Paz)» – e poi stampata e consegnata brevi manu alla riapertura della stagione della polenta alla spina, di cui siamo entrambi estimatori.

Gli chiederò di trovare la migliore traduzione in italiano, mentre l’ho già sollecitato a cercare tra i suoi libri la versione originale della splendida “E sto abbracciato a te” di Pedro Salinas pubblicata ieri. Mi fido poco, in fatto di poesia, di quel che circola su Internet: maiuscole, minuscole, virgole, accenti, capoversi, spazi… spesso e volentieri anche su siti autorevoli si trovano svarioni che non rispettano la bellezza di un capolavoro.

Intanto ne approfitto per ringraziare ancora una volta Francesco per aver tradotto, tra le altre cose, il nostro CHI SIAMO in spagnolo. Con passione, amicizia e “partecipazione”.

 

"Le baiser" (1909)

Constantin Brâncuşi “Le baiser” (1909)

DUE CORPI
Due corpi, uno di fronte all’altro,
sono a volte due onde
e la notte è oceano.

Due corpi, uno di fronte all’altro,
sono a volte due pietre
e la notte deserto.

Due corpi, uno di fronte all’altro,
sono a volte radici
nella notte intrecciate.

Due corpi, uno di fronte all’altro,
sono a volte coltelli
e la notte lampo.

Due corpi, uno di fronte all’altro,
sono due astri che cadono
in un cielo vuoto.

(Octavio Paz)

* Testo in italiano a cura di Francesco Pulitanò.

(Paola)

AGGIORNATO IL 4 OTTOBRE 2014

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

#SFF2016

4/5/6 novembre 2016 - Chiostro "Nina Vinchi" - Piccolo Teatro Grassi - Milano

Donne della realta's Blog

Dove sono finite le donne che lavorano, che studiano, che coltivano i sogni con la fatica, che cercano di non piegarsi alla precarietà?

unaeccezione

... avessi più tempo sbaglierei con più calma.

agoradellavoro

Per incontrarsi, ribellarsi, progettare. Accade a Milano

blogcartebollate

il blog di CarteBollate

il ricciocorno schiattoso

ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

Impariamo la Costituzione

un articolo a settimana

Rage against the world

Noi vogliamo uguaglianza con ogni mezzo necessario

dubbi(e)verità

Dubbi e verità o Dubbie verità?

slanthings

we live in an age when unnecessary things are our only necessities

the POP CORNERS

Pop corn d'angolo

Se Non Ora Quando Milano

Se non le donne chi?

RIHLA SAIDA

photoblog of a restless wanderer

Libreria delle Donne Bologna

"C'è tutto ciò che c'è quando ha tutto ciò che ha dove c'è quello che c'è" (G. Stein)

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

giustizia mediazione civile

giustizia e mediazione civile

cronichlesofmari

the open diary of mari key

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: