Palestina, un foglio lacerato dal vento è la mia sfida a chi non prende una posizione contro questa guerra

Adele 1Testo e foto di Adele Colacino

È una stagione strana: di solito ci si lamenta del caldo, il rumore dei condizionatori e lo sbatacchiare dei cancelli durante la notte entrano nelle camere da letto attraverso le imposte aperte alla luna, alle cicale e ai grilli che suonano vicino, mentre da più lontano arriva la musica delle discoteche aperte fino all’alba.

Anche a luglio inoltrato, al mattino Manuel e Rocco hanno aperto tutti gli ombrelloni, sistemato le sdraio e i lettini,  il lido è rimasto quasi vuoto, animandosi un po’ al sabato e alla domenica. Sotto i pochi ombrelloni occupati, durante la settimana sono quasi tutti nonni con i nipotini.

Il mare è trasparente, si vedono i ciottoli del fondo e i pesciolini che vengono a pizzicare le gambe come a reclamare le briciole che i bambini lasciano cadere per vederli arrivare.

La mia borsa di cotonina si gonfia man mano che preparo il mio bagaglio per scendere in spiaggia. Un notes e la penna, gli occhiali da vicino, un libro, l’acqua, la crema protezione 50, gli spiccioli, il cellulare più per fotografare che per parlarci. Un corredo pesante da portare sulla spalla per circa due ore buone da trascorrere sulla spiaggia.

Ho concordato con Raìs che mi racconterà le trentadue estati che ha trascorso andando su e giù per questo arenile calabrese, lui afgano scappato dalle guerre con la sua borsa da “gioielliere” e i suoi occhi di luce fredda tagliente. Arrivo sempre troppo tardi, lui ha già iniziato il suo giro e non può fermarsi a parlare con me. Sistemo le mie cose e rifletto sulle notizie ascoltate alla radio prima di uscire.

“Le riforme”, termine ormai abusato, masticato nelle bocche di tutti, le riforme auspicate, necessarie, impellenti oramai elemento vitale per riprendere in mano una vita economica e civile, materiale di scambio per ottenere o recuperare prestigio internazionale. Garantismi, assoluzioni, dissensi interni, ricompattamento di fazioni che ieri s’ingiuriavano e oggi potrebbero ritrovare l’antico cieco amore. Come prima, come sempre.

E tra una notizia e l’altra di “politica interna” voci neutre di speaker annunciano ancora numeri spaventosi di morti a Gaza, di morti nelle stive per mancanza di aria da respirare. Bambini, tanti, che non avevano il libro delle vacanze come problema, ma la fame, la speranza di avere un giorno ancora sul quale aprire gli occhi. Attaccato alla ringhiera del “pontino” sul quale passa il treno, stamattina c’era un grande cartello bianco con sopra scritto PALESTINA… qualcosa.

Adele 2 Era già strappato e, lacerato, pendeva al vento. Non c’era ieri. Mi sono fermata, ho cercato il cellulare nella mia borsa di cotonina e l’ho fotografato. Cammino e penso allo sforzo costato per compattare quei fogli di carta, per attaccarlo su quella ringhiera, mentre sui muri sottostanti i manifesti giganti e colorati, ben tesi e incollati invitano ai concerti degli artisti in tournée, alle discoteche dei dintorni.

L’ho fotografato per donargli vita più lunga, perché la pioggia e il vento del pomeriggio lo avrebbero sicuramente lacerato.

L’ho fotografato perché chiunque lo abbia legato su quella ringhiera merita un plauso, perché mi ha dato un ennesimo appiglio per parlare con i miei vicini di ombrellone di questa strage ricorrente nella storia moderna.

L’ho fotografato e tendo a mandarne in giro l’immagine per dare uno schiaffo morale alla signora pingue e bionda che si vanta di essere la presidente di una sezione UNICEF e dichiara di non poter prendere alcuna posizione, di non poter esprimere una opinione su questa guerra.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

#SFF2016

4/5/6 novembre 2016 - Chiostro "Nina Vinchi" - Piccolo Teatro Grassi - Milano

Donne della realta's Blog

Dove sono finite le donne che lavorano, che studiano, che coltivano i sogni con la fatica, che cercano di non piegarsi alla precarietà?

unaeccezione

... avessi più tempo sbaglierei con più calma.

agoradellavoro

Per incontrarsi, ribellarsi, progettare. Accade a Milano

blogcartebollate

il blog di CarteBollate

il ricciocorno schiattoso

ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

Impariamo la Costituzione

un articolo a settimana

Rage against the world

Noi vogliamo uguaglianza con ogni mezzo necessario

slanthings

we live in an age when unnecessary things are our only necessities

the POP CORNERS

Pop corn d'angolo

Se Non Ora Quando Milano

Se non le donne chi?

RIHLA SAIDA

photoblog of a restless wanderer

Libreria delle Donne Bologna

"C'è tutto ciò che c'è quando ha tutto ciò che ha dove c'è quello che c'è" (G. Stein)

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

giustizia mediazione civile

giustizia e mediazione civile

cronichlesofmari

the open diary of mari key

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: