Cade la corona (quando ti fai un giretto in certi ospedali)

di Elisabetta Baccarin

betta coi papaveri

Elisabetta, un fiore

ebbene sì, ne prendo atto. sono decisamente una donna di mezzetà.
inutile che io tiri le somme. non ho mira.
però qualcuno in passato sosteneva che, sebbene avessi il 3 fisso in matematica e me la cavassi di gran lunga meglio con le parole,
avessi una sorta di pensiero scientifico.
probabilmente solo per il fatto che mi ritrovo a scomporre tutto ai minimi termini o a trovare il comun denominatore delle cose in generale e nelle mie in particolare, felicità e infelicità comprese.
dell’insieme felicità e infelicità, classifico quelle reiterate e quelle una tantum, scarto le infelicità infinitesime o elevo le piccole felicità a potenza per renderle infinite.
vale lo stesso per le paure, per le ansie non apro nemmeno l’argomento.
anzi sì. la classificazione è per quelle del momento, per quelle che durano e non se ne vanno e che vivono nutrendosi della statistica che da sempre me le incute dicendomi che devo morire, o che divento cieca o che mi amputano le gambe. io chiedo solo che non mi si fottano gli occhi e la testa perché giuro che me ne torno da di là dove finisco e me li riprendo a suon di calcinculo. ehm. scusate, mi è caduta la corona. 
dicevo: la statistica. la statistica mi nutre l’ansia da almeno 30 anni.
ma facendo una banale lista dei più o dei meno, o guardo la bilancia e vedo dove pende, alla fine mi rendo conto che mettendoci dentro tutto, direi che ce n’è più dalla parte dei più. e non è così scontato. quindi, tra angosce classificate come insetti strani e mai più visti, altre che tornano puntuali come le cimici (che se le lasci stare non puzzano) e le zanzare (che anche se le lasci stare ti mozzicano), altre ancora che quando ti pungono ti levano l’aria anche se non sei allergico, penso che in questa mezza età che probabilmente, sempre statisticamente parlando, è già più in là della metà della metà, il mio numero è intero e positivo.
non so se si possono osservare più di 2 casi, ma nella fattispecie o ho perso colpi e non mi ricordo più di parecchie cose, oppure boh.
forse che quando ti fai un giretto in certi ospedali andata e ritorno, magari dai i numeri e non tiri le somme anche se lo sai fare, ma per certo qualche bestemmia la tiri (sempre la corona che mi scivola dalla testa, occhio a non inciamparci) e ti chiedi perché non incazzarti a vita. e poi ti viene da comprarti un mazzo di fiori. rossi. profondamente rossi.

Una Risposta

  1. brava Betta!!! riesci a parlare sempre con un linguaggio diretto e autoironico, quasi leggero, delle tue ansie e delle tue paure. E del folle mondo dei numeri in cui siamo immersi.

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

#SFF2016

4/5/6 novembre 2016 - Chiostro "Nina Vinchi" - Piccolo Teatro Grassi - Milano

Donne della realta's Blog

Dove sono finite le donne che lavorano, che studiano, che coltivano i sogni con la fatica, che cercano di non piegarsi alla precarietà?

unaeccezione

... avessi più tempo sbaglierei con più calma.

agoradellavoro

Per incontrarsi, ribellarsi, progettare. Accade a Milano

blogcartebollate

il blog di CarteBollate

il ricciocorno schiattoso

ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

Impariamo la Costituzione

un articolo a settimana

Rage against the world

Noi vogliamo uguaglianza con ogni mezzo necessario

slanthings

we live in an age when unnecessary things are our only necessities

the POP CORNERS

Pop corn d'angolo

Se Non Ora Quando Milano

Se non le donne chi?

RIHLA SAIDA

photoblog of a restless wanderer

Libreria delle Donne Bologna

"C'è tutto ciò che c'è quando ha tutto ciò che ha dove c'è quello che c'è" (G. Stein)

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

giustizia mediazione civile

giustizia e mediazione civile

cronichlesofmari

the open diary of mari key

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: