Una Casa, mica una prigione

di Angela Giannitrapani

Milano, Casa delle donne (foto di Alessandra  Montella)

Milano, Casa delle donne (foto di Alessandra
Montella)

Sabato 8 marzo la Casa delle Donne di Milano ha avuto la sua inaugurazione ufficiale. Già aperta il 18 gennaio di quest’anno, la Casa è stata voluta da alcune associazioni femminili, da donne, da consigliere comunali e dalla presidente della Commissione Pari opportunità del Comune di Milano, Anita Sonego , che ha ottenuto i locali della ex scuola elementare di via Marsala, 8.

Il programma della giornata inaugurale, molto intenso e ambizioso, titolava I talenti delle donne  e prevedeva eventi e incontri che andavano dai concerti di musica alla ginnastica posturale, dalle arti figurative alle letture teatrali. Una fiumana di donne ha inondato i quattrocento metri quadri e gli spazi esterni, travolgendo l’organizzazione che non ha retto all’onda d’urto. Ma quello che mi è sembrato rilevante è stato l’elevato numero di presenze, segno che il desiderio e le aspettative verso un luogo di donne sono altissimi.

Lasciando da parte gli aspetti più strettamente organizzativi, peraltro espletati in modo rigorosamente volontario, e nella speranza che l’esperienza e l’aiuto di un maggior numero di collaboratrici aggiustino il tiro nelle prossime iniziative, mi preme fermarmi sul luogo in sé. Non tutte le voci sono entusiaste dell’idea di una Casa della donne; si avanza il timore che diventi un luogo di auto segregazione, dove le donne si chiudano nel loro guscio e creino un microcosmo autoreferenziale. Il rischio è presente in tutte le associazioni monotematiche. Molto, però, dipenderà da quanto la Casa si aprirà al confronto, al dialogo, all’accoglienza di temi che dallo specifico si allarghino a quelli della società. Gli uomini hanno sempre avuto, nelle varie epoche, i loro circoli, le loro associazioni, i loro club esclusivi. Lì hanno difeso le loro idee, la loro politica, i loro comportamenti. In quei luoghi li hanno rafforzati e da quei luoghi sono usciti per permeare la società e per raggiungere i posti di potere. Perché un luogo, nel quale possano confluire tutte le donne della città che lo vogliano e tutte le associazioni femminili, dovrebbe diventare un luogo di segregazione? Non sono le mura, i pavimenti, le stanze che faranno da prigione. Perché, invece, non pensarlo come il luogo delle idee e del confronto? Il laboratorio nel quale costruire un immaginario delle donne che ancora manca? Manca, infatti, l’idea di quali donne vogliamo essere nella società, nella politica, nelle comunicazioni, nell’arte, nell’economia, nel lavoro.

Ottavia Piccolo (Foto di Marta Magnani)

Ottavia Piccolo (Foto di Marta Magnani)

La scommessa, oggi, per tutti, è pensare la partecipazione femminile in ogni ambito decisionale e di progettazione almeno a parità numerica con quella maschile, ma non basta colorare di rosa o di arancione la politica degli uomini. Interessanti, a tale proposito, gli interventi di Lea Melandri su Io Donna on line del 7 marzo 2014, intitolato “L’8 marzo? Ha ancora senso, ma non chiamatela ‘festa’. E quello di Anita Sonego su Arcipelago Milano, intitolato “Rivedere l’arcobaleno in piazza Duomo”.

Soprattutto non basta, anzi è mistificatorio, che le donne vadano in politica con la testa da uomini. Non è una ex scuola che cambia la testa, ma è fondamentale avere dei luoghi fisici che diventino sede di idee, di confronti, di aggregazione per produrre identità nuove, così forti da potere scardinare quelle commistioni, quei compromessi, le false emancipazioni che ingannano e non rinnovano una società fatta e vissuta da donne e da uomini.

Il programma dell’inaugurazione, dal profilo FB

Il programma dell’inaugurazione, dal profilo FB

Ripetere una stanza tutta per sé è diventato ormai così diffuso da rasentare la banalità. Ma, a proposito di Virginia Woolf , avrei ancora un paio di cose da dire.

Forse, una prossima volta.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

#SFF2016

4/5/6 novembre 2016 - Chiostro "Nina Vinchi" - Piccolo Teatro Grassi - Milano

Donne della realta's Blog

Dove sono finite le donne che lavorano, che studiano, che coltivano i sogni con la fatica, che cercano di non piegarsi alla precarietà?

unaeccezione

... avessi più tempo sbaglierei con più calma.

agoradellavoro

Per incontrarsi, ribellarsi, progettare. Accade a Milano

blogcartebollate

il blog di CarteBollate

il ricciocorno schiattoso

ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

Impariamo la Costituzione

un articolo a settimana

Rage against the world

Noi vogliamo uguaglianza con ogni mezzo necessario

slanthings

we live in an age when unnecessary things are our only necessities

the POP CORNERS

Pop corn d'angolo

Se Non Ora Quando Milano

Se non le donne chi?

RIHLA SAIDA

photoblog of a restless wanderer

Libreria delle Donne Bologna

"C'è tutto ciò che c'è quando ha tutto ciò che ha dove c'è quello che c'è" (G. Stein)

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

giustizia mediazione civile

giustizia e mediazione civile

cronichlesofmari

the open diary of mari key

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: