Dai, ministra Maria Carmela, sorridiamo con te

di Lorenza Rozzi

Maria Carmela Lanzetta (foto di Paola  Ciccioli)

Maria Carmela Lanzetta (foto di Paola Ciccioli)

                                                                                                     Catanzaro, 23 febbraio 2014

 

Cara Paola,

certe impressioni dovrebbero essere fissate nell’istante  in cui le vivi. Dopo, tutto diventa diverso, non riesci a descrivere lo stupore del primo  momento.

Venerdì sera, dopo una interminabile attesa (Renzi non usciva più dall’incontro con il Presidente Napolitano, e la curiosità di conoscere il nome dei ministri  scelti era grande), sono stata costretta  a uscire prima delle ore 20, perché avevo un appuntamento con amici. Ero in macchina con mio marito, quando ho ricevuto la telefonata di Adele che mi comunicava la nomina di Maria Carmela Lanzetta a ministra per gli Affari regionali. Non finivo più di ripetere ad alta voce:  «come sono contenta… come sono contenta…», questa e’ stata la voce esultante che mi usciva dal cuore. Ho vissuto quella nomina, come il riconoscimento dato a una donna, che ammiro per molte virtù: coraggio, onestà, semplicità e intelligenza. 
Una donna che ha cercato  di cambiare con le sue scelte e il suo esempio la realtà di un luogo bellissimo e difficile quale è  Monasterace. L’ho vissuta come un giusto riconoscimento.
Ho visto Maria Carmela Lanzetta il mese scorso, in un incontro organizzato da Franca Fortunato delle “Città vicine” assieme ad altre sindache e sindaci della Calabria. Alcune le conosci  la Cardamone di Decollatura, la Tripodi di Rosarno. E’ stato un incontro interessantissimo. L’impressione che ho riportato è la grande solitudine che le accompagna , le difficoltà che incontrano ad affrontare i gravi problemi dei loro Comuni, ma anche, il coraggio, l’ingegno, la fantasia e la creatività che adottano per cercare di risolverli.
Il loro modo di fare politica, riconcilia con le delusioni della grande politica. Per ritornare alla nomina della Lanzetta, con il passare delle ore, ti poni delle domande che non trovano risposta.

Foto di gruppo a Decollatura, 13 ottobre 2012. Lorenza  Rozzi, (in piedi) tra Paola e Diana Impennato. Sedute, da  destra: Anna Maria Cardamone, Elisabetta Tripodi, Emerita  Cretella, Maria Carmela Lanzetta in conversazione.

Foto di gruppo a Decollatura, 13 ottobre 2012. Lorenza Rozzi, (in piedi) tra Paola e Diana Impennato. Sedute, da destra: Anna Maria Cardamone, Elisabetta Tripodi, Emerita Cretella, Maria Carmela Lanzetta in conversazione.

Ieri mattina, con Lina Scalzo, una mia cara amica operatrice sanitaria presso Villa Betania, una struttura che ricovera anziani e handicappati (che vive sulla sua pelle il disagio di sei mesi di stipendi arretrati non pagati) abbiamo riflettuto sulla scelta della Lanzetta e sono emersi dubbi e perplessita’.  E’ stata scelta per un calcolo opportunistico per calmare l’ira civatiana? E’ entrata senza volerlo nel calcolo cinico di Renzi, che nomina allo Sviluppo economico  ed alle Telecomunicazioni una creatura di Berlusconi e dimentica una donna autorevole come Emma Bonino e le tante lotte civili che ha sostenuto?

Per  domani pomeriggio  sono stata invitata da Loredana Marzullo, un’altra amica, a un incontro su Machiavelli. Pare  che questi ritenesse necessario, per affrontare i momenti particolarmente difficili degli Stati, la presenza di uomini: rutilanti, audaci, veloci nell’agire nel pensiero perché interpretano meglio di altri le necessità del loro tempo.

Cara Paola, non so se Maria Carmela ha fatto bene o male ad accettare questo incarico.
Hai visto il sorriso felice e bellissimo  che aveva vicino al Presidente della Repubblica? Forse perderà presto quel sorriso, ma io rispetto la sua scelta e le sono vicina con il pensiero e con l’affetto.

Lorenza

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

#SFF2016

4/5/6 novembre 2016 - Chiostro "Nina Vinchi" - Piccolo Teatro Grassi - Milano

Donne della realta's Blog

Dove sono finite le donne che lavorano, che studiano, che coltivano i sogni con la fatica, che cercano di non piegarsi alla precarietà?

unaeccezione

... avessi più tempo sbaglierei con più calma.

agoradellavoro

Per incontrarsi, ribellarsi, progettare. Accade a Milano

blogcartebollate

il blog di CarteBollate

il ricciocorno schiattoso

ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

Impariamo la Costituzione

un articolo a settimana

Rage against the world

Noi vogliamo uguaglianza con ogni mezzo necessario

dubbi(e)verità

Dubbi e verità o Dubbie verità?

slanthings

we live in an age when unnecessary things are our only necessities

the POP CORNERS

Pop corn d'angolo

Se Non Ora Quando Milano

Se non le donne chi?

RIHLA SAIDA

photoblog of a restless wanderer

Libreria delle Donne Bologna

"C'è tutto ciò che c'è quando ha tutto ciò che ha dove c'è quello che c'è" (G. Stein)

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

giustizia mediazione civile

giustizia e mediazione civile

cronichlesofmari

the open diary of mari key

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: