Omofobia, l’amore va oltre la legge. Una giornata di emozioni a Lecce

17 Maggio 2013, IX Giornata Internazionale contro l’Omofobia. Il messaggio di Agedo Lecce: liberiamo le differenze!

agedo_leccedi Daniela Natale

Mentre i Tg nazionali ricordavano all’Italia intera di celebrare la Giornata contro l’ipertensione arteriosa, a Lecce, e per fortuna in molte altre città della penisola, venivano invece festeggiate le differenze. Per il terzo anno consecutivo, Agedo Lecce (Associazione di GEnitori, parenti e amici Di persone Omosessuali ) con il supporto del CSVSalento, ha organizzato un’intera giornata di informazione, dibattiti e condivisione sul tema dell’omofobia e dell’omosessualità, incontrando gli studenti delle superiori al mattino e la cittadinanza al pomeriggio, e con molto piacere ho accettato di moderare i due momenti della giornata. Al tavolo dei relatori Valeria Pace, psicologa e psicoterapeuta, Andrea Fiorucci, dottorando in Psicologia dello Sviluppo presso l’Università del Salento, Giovanna e Gaia dell’associazione Liberamente e Apertamente (LeA) e Veronica, in rappresentanza della Consulta Provinciale degli Studenti. Ospite speciale è stato Fabio Canino (nella foto con gli altri relatori, ndr), showman televisivo dichiaratamente gay che, con il suo humour pungente e il racconto degli episodi di omofobia nei media vissuti in prima persona, ha contribuito alla buona riuscita della giornata. Fondamentali sono state le testimonianze, una su tutte quella della presidente di Agedo Lecce, GianFranca Saracino: è mamma e nonna GianFranca, insegnante di inglese ora in pensione, ma il suo morale e la sua forza sono il motore di questa associazione che dal 2010 opera sul territorio. Non ci stanchiamo mai di ascoltare la sua storia: mamma di due gemelle monovulari, praticamente identiche, racconta di quando diciassette anni fa ha scoperto l’omosessualità di una delle sue due figlie e lo fa guardando negli occhi gli adulti che sempre più spesso siedono tra il pubblico degli eventi organizzati da Agedo Lecce, ma abbracciando idealmente anche tutti i ragazzi che vivono nel silenzio il disagio dei pregiudizi che discriminano il loro orientamento sessuale. Racconta di come molti genitori siano ancora impreparati ad accogliere la natura dei propri figli se diversa da quella eterosessuale e, conseguentemente, di come possano sentirsi in crisi perché le loro aspettative non vengono rispettate, di come sia meno difficile oggi che in passato per gli adolescenti riconoscere e accettare il proprio orientamento omosessuale, ma ancora problematico manifestarlo serenamente agli altri, perché manca una seria e corretta informazione che combatta i pregiudizi. E mentre racconta, con gli occhi lucidi e pieni d’amore, il pensiero vola ai tanti ragazzi con i “pantaloni rosa” che vengono emarginati e derisi, alle quattro parole di circostanza che i politici locali hanno farfugliato oggi ai media sorvolando sulle dichiarazioni dei giorni precedenti riguardo la possibilità di avere un registro delle unioni civili a Lecce, ai ragazzi che ho davanti che a stento trattengono le lacrime.
Non possiamo fare finta di niente: impedire la legalizzazione delle unioni per le coppie omosessuali non impedirà alle persone dello stesso sesso di amarsi; distrarre il proprio figlio al passaggio di due donne che si tengono per mano perché non veda la differenza, non impedirà a quelle due donne di progettare un futuro insieme; parlare di tradizione e natura, nascondendosi spesso dietro l’alibi della religione, non ci farà tornare indietro. Indietro, troppo indietro, lo siamo già. Il tempo delle terapie riparative ha i giorni contati, liberare le differenze e non annullarle è necessario e imminente per il benessere dei singoli, che sarà, di riflesso, il benessere dell’intera comunità.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

#SFF2016

4/5/6 novembre 2016 - Chiostro "Nina Vinchi" - Piccolo Teatro Grassi - Milano

Donne della realta's Blog

Dove sono finite le donne che lavorano, che studiano, che coltivano i sogni con la fatica, che cercano di non piegarsi alla precarietà?

unaeccezione

... avessi più tempo sbaglierei con più calma.

agoradellavoro

Per incontrarsi, ribellarsi, progettare. Accade a Milano

blogcartebollate

il blog di CarteBollate

il ricciocorno schiattoso

ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

Impariamo la Costituzione

un articolo a settimana

Rage against the world

Noi vogliamo uguaglianza con ogni mezzo necessario

dubbi(e)verità

Dubbi e verità o Dubbie verità?

slanthings

we live in an age when unnecessary things are our only necessities

the POP CORNERS

Pop corn d'angolo

Se Non Ora Quando Milano

Se non le donne chi?

RIHLA SAIDA

photoblog of a restless wanderer

Libreria delle Donne Bologna

"C'è tutto ciò che c'è quando ha tutto ciò che ha dove c'è quello che c'è" (G. Stein)

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

giustizia mediazione civile

giustizia e mediazione civile

cronichlesofmari

the open diary of mari key

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: