“Non è più tempo di tramonti infuocati”. Poesia in lutto

di Miriana Ronchetti*

Una mattina dello scorso maggio, molto presto, guardando le nuvole a forme d’arte nel cielo, pensai di essere una persona così fortunata, perché ho avuto il dono della fantasia, della scrittura, questo grande amore per il teatro. Quante persone sono animate dalla passione verso varie forme artistiche. Quasi saltellando scesi nel vecchio cortile con la mia cagnolina Wally… felice! Strano: il postino era già arrivato. Quasi svolazzando aprii la letterina che mi avrebbe ispirato la poesia che ho scritto: la letterina era una cartella equitalia di € 42.000… sulla mia compagnia teatrale, che ha un reddito di quasi 14.000 € all’anno… ma le tasse vanno pagate!! Quindi per 7 anni dovrò scontare la pena di lavorare (sempre che riesca a trovarlo, il lavoro, nel teatro) per pagare circa 600 € al mese su entrate che mi servono solo a produrre spettacoli che ispirino poesia, arte e che possano alimentare anche altri animi. Per fortuna che sono “fortunata” come la gabbianella, ad avere questo spirito ma, ahimè… la poesia è veramente in lutto!  Che ingranaggio complicato  stanno mettendo in atto per distruggere le nostre passioni che muovono  il mondo e le stelle. Solo quelle. Tutto il resto è m…!

Ballata di protesta per Poesia in lutto

Fermi lì… fermatevi!… ascoltate quel che ho da dirvi.

Non muovetevi…

ascoltate le mie parole viaggianti,

non levate barriere di indifferenza

non coprite il volto con maschere finte d’amore.

Finzione e falsità cadranno dai vostri corpi

come innocenti cadono i giovani , abbandonati…

come insofferenti cadono  i loro cervelli

Mondo, un limbo di parole oramai vuote,

erranti formiche impazzite.

La poesia piange  le sue albe, i suoi tramonti,

i riflessi… le onde

gli amori… i cuori

i cieli… i venti

Non è più tempo di albe rosate

Non è più tempo di tramonti infuocati.

Camminiamo nelle nostre armature

lasciando dietro  di noi le ceneri

di una libertà negata, calpestata, disonorata.

Siate maledetti tutti voi

che dirigete, che comandate

eserciti di manichini senza testa, senza cuore.

Maledetti voi che mandate a morire le nostre speranze

le lotte di classe, le ragioni della storia, i motivi profondi

che muovono il corso degli eventi…

ma non dimenticate che quando le nostre menti si libereranno

dalla schiavitù

dovrete iniziare a  correre

e anche le vostre ombre saranno spazzate via.

Non è una poesia questa, non so cosa sia…

forse una preghiera, un assolo di povero poeta

un appello nato

mentre cammino verso il sole

su una strada

di un mondo

che non mi appartiene

che non ci appartiene

ma che è nostro !

*Miriana Ronchetti, artista e operatrice culturale, dirige l’associazione “Teatro Arte Orizzonti Inclinati” di Como. La poesia che pubblichiamo ha avuto una menzione speciale nel concorso Lorenzo Cresti di Firenze di cui oggi, 28 ottobre, si svolge la premiazione ufficiale a Palazzo Vecchio (ore 15,30). 

Annunci

One thought on ““Non è più tempo di tramonti infuocati”. Poesia in lutto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...