“Mai più contro di noi, mai più senza di noi”. Domenica le donne italiane scendono in piazza

Il movimento “Se non ora quando” torna a manifestare dopo il 13 febbraio. A piazza del Popolo a Roma per invocare una maggiore presenza femminile nella vita pubblica italiana   di Carmine Saviano 

LO scorso 13 febbraio hanno stupito e incantato tutta l’Italia. Riempiendo le piazze italiane e quelle straniere con la loro dignità e il loro orgoglio. Madri, ragazze, professioniste e studentesse. Insieme per lanciare un atto d’accusa alle deformazioni che le azioni pubbliche e private di Silvio Berlusconi operavano sull’immagine e sulla visione del ruolo delle donne. E domenica il comitato Se Non Ora Quando  torna nelle strade. Si chiama “Se non le donne, chi?”, la giornata di mobilitazione nazionale che avrà il proprio epicentro a Roma, in piazza del Popolo. Certo, Berlusconi appartiene al passato prossimo. Ma i messaggi da recapitare al nuovo governo Monti sono numerosi.

L’obiettivo della giornata è messo nero su bianco sul sito del comitato: “Vogliamo segnare questa stagione politica con la nostra forza, contare sulla scena pubblica, far capire che senza le donne non c’è crescita”. E ancora: “vogliamo far capire che l’uscita dalla crisi passa attraverso il lavoro e il welfare per le donne, e che per questo serve una democrazia paritaria e una nuova rappresentazione della donna nei media”. Poi identità e differenze rispetto alla manifestazione dello scorso febbraio: “Allora la molla che spinse un milione di ragazze e signore a scendere per strada fu il desiderio di dare visibilità a una questione femminile surriscaldata dallo scandalo escort”.

E se oggi il nuovo governo offre uno stile diverso, “la condizione delle donne è rimasta la stessa”. Flavia Perina, Futuro e Libertà: “Dopo la fine del governo Berlusconi il movimento può conquistare altri spazi e dialogare con tutti, senza più il rischio di esser bollato semplicemente come anti-berlusconiano”. Quindi le proposte e le strategie per affrontare con efficacia la questione femminile. Proposte che dal palco di piazza del Popolo saranno tematizzate da Chiara Saraceno, Annamaria Testa e dalle tante giornaliste del movimento. Poi numerosi momenti musicali, con l’orchestra sinfonica di Europa Musica, e il pop di Paola Turci, Marina Rei, Emma Marrone e Erica Mou.

E se la macchina organizzativa è già a pieno regime, non cessa la produzione di documenti e contenuti multimediali. Tra gli altri, una lettera-manifesto indirizzata alle donne e agli uomini italiani: “Care donne che eravate in piazza con noi il 13 febbraio, a rivendicare dignità e rispetto, care tutte le altre, italiane per nascita o per scelta. Care donne singolari e plurali, diverse l’una dall’altra, sorelle, compagna, amiche, figlie e madri, stiamo di nuovo qui, tutte unite, perché tutte unite siamo una forza e con ‘una forzà è ora che facciano i conti. Tutti”. E agli uomini: “La nostra forza è anche la vostra. È per un bene comune che stiamo lottando. Perché un paese senza la voce delle donne è un paese che va a finir male”. E da qui lo slogan: “Mai più contro di noi, mai più senza di noi”.

Le adesioni alla giornata di mobilitazione sono numerose. Partiti, associazioni, esponenti del mondo della cultura e dello spettacolo. E pullman raggiungeranno Roma da tante città italiane. Attiva anche una raccolta di fondi per sostenere l’iniziativa. Basta effettuare un bonifico sul c. c. intestato all’APS Se non ora quando, IBAN IT13Y0501803200000000155055 presso Banca Etica sede di Roma.

La Repubblica – 7 dicembre 2011

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...