“Colf d’Italia”: 150 anni di lavoro domestico per raccontare l’Italia che cura

Roma, venerdì 18 novembre, ore 14.30
(Centro Congressi Palazzo Rospigliosi – Via XXIV maggio 43)
L’unità d’Italia celebrata dalle collaboratrici familiari, italiane e straniere. Si terrà venerdì 18 novembre, a Roma, presso il Centro Congressi del Palazzo Rospigliosi (Via XXIV Maggio 43), il congegno: “Colf d’Italia. 150 anni di lavoro domestico per raccontare l’Italia che cura”, promosso dalle Acli Colf, l’associazione professionale delle Acli che da oltre 60 anni si occupa della tutela e della promozione sociale delle lavoratrici domestiche, italiane e straniere.
L’incontro si presenta come un percorso che ricostruisce la storia del lavoro domestico e di cura intrecciata alla storia dei 150 anni dell’Unità d’Italia, “ricordando il contributo silenzioso di quelle donne e uomini che hanno partecipato e partecipano tutt’ora alla costruzione della nazione”: dalle balie alle ‘serve’ del passato, dalle colf alle ‘badanti’ di oggi.
Il convegno avrà inizio nel pomeriggio di venerdì 18 novembre a partire dalle ore 14.30. Interverranno, tra gli altri: Raffaella Maioni, responsabile nazionale delle Acli Colf (L’Italia che si prende cura); Raffaella Sarti, ricercatrice dell’Università di Urbino “Carlo Bo” (Serva, colf, badante: per una storia delle lavoratrici domestiche dall’Unità ad oggi); Pina Brustolin, direttivo Acli Colf (Diritti e dignità del lavoro domestico, a partire dall’impegno delle Acli Colf); Sergio Pasquinelli, Istituto della Ricerca Sociale (Bisogni di assistenza e prospettive possibili per costruire un welfare della cura in Italia); Flavia Piperno, ricercatrice Cespi (Collaboratrici e assistenti familiari: ci sono e come si collocano nel panorama transnazionale); Maria Grazia Giammarinaro, coordinatrice per la lotta contro la tratta degli esseri umani presso l’Ocse (Sfruttamento invisibile per un lavoro non protetto); Fabrizio Benvignati, vicepresidente del Patronato Acli (La convenzione internazionale sui lavoratori domestici).
Le conclusioni saranno affidate al presidente nazionale delle Acli, Andrea Olivero.
Al termine del convegno, cui parteciperanno lavoratrici domestiche provenienti da tutta Italia, verrà eseguito dal vivo un concerto “Per l’Italia”. Le variazione Goldberg di Johann Sebastian Bach accompagneranno la proiezione di immagini che documentano, sotto diversi punti di vista, l’impegno della società civile nella costruzione della nazione, dal Risorgimento alla Resistenza, passando dall’impegno dei volontari fino alle lotte contro la mafia e il terrorismo.
Per la rievocazione storica del ruolo delle colf, l’evento si avvale del materiale documentale messo a disposizione dal Museo dell’Educazione dell’Università di Padova, dal Museo etnografico di Serravella (BL) e dall’Archivio storico delle Acli.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...