Camusso, se non ora, quando!

di Lidia Ravera

Meno male che Susa-anna c’è”, e si dà da fare. Il coro parte spontaneo dal petto dei lavoratori taglieggiati dalla manovra, dal profondo del cuore di tutti quelli che stanno per subire senza fiatare “la tassa sull’onestà”, punizione per i non-evasori. Meno male che Susanna c’è. E reagisce. Con un’iniziativa politica. Non con quattro chiacchiere al bar.

Con uno sciopero generale, non con una ragnatela di sottili distinguo. Meno male che Susanna c’è, e ha il senso dell’umorismo. Così, invece di farsi girare come eliche quegli attributi che possiede soltanto metaforicamente, tira dritto col suo sorriso di ferro. E non dà retta a nessuno. “La Cgil va rispettata ma non fiancheggiata”, dice il coordinatore “d’opposizione ma non troppa” ai suoi coordinati, usando un verbo più adatto ai terroristi che ai sindacalisti. “Non ora”, scrive un manipolo di aventi diritto ad aprire bocca, (economisti pidì, ex sindaci di città Fiat, operai sopravvissuti & bocconiani impegnati), non così, non lotte per dare fastidio, semmai un piagnisteo bipartisan o tripartisan. Ma lottare, noooo, non ora! Le donne, tutte quelle con le metafore in subbuglio, offrono alla compagna Susanna una risposta già sperimentata: “Se non ora, quando?”.

Il Fatto Quotidiano, 28 agosto 2011

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...