Donne, non solo madri. Quello che non si può dire in TV

di Paola Leonardi*

L’Italia, si sa, è il paese a più bassa natalità del mondo, ma ancora non si può affermare di non aver avuto/voluto figli per scelta, almeno in televisione. L’argomento pare ancora tabù nel nostro paese. Recentemente sono stata invitata in qualità di sociologa e psicoterapeuta alla trasmissione TV La vita in diretta (lo scorso 5 novembre su Rai 1) per testimoniare l’esperienza mia e di altre 13 donne, raccolte nel libro che ho scritto con Ferdinanda Vigliani, Perché non abbiamo avuto figli. Donne speciali si raccontano, F. Angeli, 2009.
Si tratta di un’indagine su un tema fino ad ora poco affrontato nel nostro paese, ma soprattutto è un approfondimento delle motivazioni psicologiche e sociali di chi, autrici comprese, ha voluto raccontarsi: motivazioni profonde, a partire dalla soggettività di ogni donna, mettendo in discussione quella che sembra ancora l’inevitabile sovrapposizione dell’identità femminile con la maternità. Un’analisi che prosegue da quel fondamentale percorso di consapevolezza individuale e collettiva, i “formidabili anni Settanta”, che ha lasciato eredità importanti al mondo intero. Da queste interviste a donne ‘importanti e significative’ (Natalia Aspesi, Letizia Bianchi, Piera Degli Esposti, Ida Dominijanni, Elisabetta Donini, Margherita Giacobino, Laura Grasso, Lesile Leonelli, Lea Melandri, Luisa Passerini, Rosalba Terranova, Chiara Zamboni, Adriana Zarri) e dalla lettera di Rossana Rossanda emerge un concetto di “materno” intrigante, anche e perché diversificato. E si delineano ritratti di donne vivaci, molto concrete, capaci di parlare di sé e trasmettere emozioni con sagacia, apertura, immediatezza e sincerità; donne “speciali”che mettono in evidenza la ricchezza delle differenze nell’universo femminile.
Di tutto ciò si poteva parlare dunque, ma non è stato possibile.
Lo spazio è stato occupato dalla presentazione enfatizzata di alcune famiglie extra-large proiettate in video, una delle quali presente con i 12 figli, un nipotino e il quadro della madonna. Il clima era da stadio, gli interventi della conduttrice Mara Venier, insieme a quelli delle invitate Alessandra Mussolini, Giovanna Melandri, purtroppo indistintamente, tutti indirizzati sul valore delle famiglie, con palese svalorizzazione per chi figli non li ha per scelta. Uno spettacolo per niente gradevole, che ha mostrato, tra l’altro, una coalizione femminile poco consapevole della libertà di scelta delle altre donne.
La trasmissione è stata usata non per un confronto di posizioni, come concordato, ma per mostrare chi sono i buoni e i cattivi, come del resto hanno notato le ascoltatrici che mi hanno scritto e-mail per solidarietà. Ennesima dimostrazione di arretratezza tutta italiana nel campo dei diritti civili e della libertà di tutte noi. Inaccettabile scorrettezza, che ha impedito l’espressione di un libero pensiero, che avrebbe giovato anche ad ascoltatrici che non per scelta, ma per necessità o per motivi di salute, non hanno potuto avere figli. Limitazione di pluralità di voci, limitazione di tutela di chi voce non può avere.
Un’occasione mancata di comunicare che i figli possono non rappresentare un progetto di vita per tante donne complete, socialmente e affettivamente realizzate anche senza prole, che ogni donna ha il diritto di decidere in piena autonomia sia di avere figli, quando e con chi, di farli per desiderio, non per dovere o bisogno e che essere madri non è una necessità.
Un’ennesima dimostrazione di quanto l’Italia non riesca ad essere un paese laico, capace di accogliere le istanze di libertà e di autonomia delle donne, bensì il più maschilista e familista d’Europa!

* L’autrice è sociologa e psicoterapeuta, fondatrice del Centro Autostima Donne, che ora ha sede a Framura, in Liguria. paolaleonardi@libero.it www.autostimadonne.it

3 Risposte

  1. Ero alla presentazione del libro di Paola Leonardi e Ferdinanda Vigliani, lo scorso marzo, nello spazio ChiamaMilano, in pieno centro. Organizzava l’associazione DonneInQuota e la sala era piena di donne di ogni età. Oggi sono andata a riprendere il libro e ho letto la testimonianza di Natalia Aspesi, giornalista che apprezzo moltissimo. Riporto un passaggio della sua intervista, contenuta appunto in “Perché non abbiamo avuto figli”.

    “Qualche rimpianto?», le chiede Paola Leonardi.
    Risponde Aspesi: «Mai. Ho un nipotino che adoro e vedo cinque minuti alla domenica mattina quando andiamo a bere il caffè con la sua mamma e mi basta così. Perché poi ho altre cose. Ammiro però delle donne in gambissima che sono delle nonne amorosissime e le stimo per questo. Io no e pazienza.
    Secondo me il diritto di scelta è la cosa più importante e saper scegliere quello che si pensa sia meglio per sé. Io ho delle amiche per cui il pensiero di passare un pomeriggio con questi bambini è una cosa che le fa pazze di felicità. Io mi butterei dalla finestra».

    (concetti sovversivi per la prima rete Rai)

    Mi piace

  2. Ciao a tutte e Buon Anno.
    Non ci conosciamo ma io sono una che da anni fa battaglia, anche se negli ultimi tempi sono parecchio scoraggiata.
    io un figlio ce l’ho (avuto in giovane età per inesperienza) ma non ne voglio fare altri e questa cosa è davvero vista come qualcosa di cattivo, di anormale, di non femminile.
    Le donne vengono viste ancora solo in funzione della famiglia, della riproduzione e del sesso.
    Veramente deludente come cosa. Io mi sono trasferita a nord l’anno scorso e credevo che qui le cose fossero diverse che da noi, dove c’è ancora una certa mentaslità maschile imperante, ma sento gli stessi discorsi e vedo la stessa mentalità anche qua.
    Ci siamo scrollate di dosso la figura di “angelo di focolare2 che ci avevano appioppato ed ora non riusciamo a scrollarci di dosso quella di madri ad ogni costo.
    Poi inoltre molte donne si mettono a far figli perchè non riescono a fare altro nella vita e si tengono occupate così e vivono poi in funzione solo dei figli. Io questa cosa non la condivido perchè appunto si fa un figlio per amarlo e crescerlo bene e non per avere una compagnia!
    Alcune addirittura, siccome non trovano l’uomo della loro vita allora fanno un figlio così almeno non avranno un futuro di solitudine. Lo trovo uno squallidissimo ripiego e chi ne fa le spese sono sempre i figli ovviamente.
    Io se avessi potuto non l’avrei proprio fatto e siccome adesso posso scegliere scelgo di non farne un altro. E il bello è che me lo sento dire proprio dalle donne la tipica frase: ma un altro quando vi decidete a farlo?”
    roba da matti!

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

#SFF2016

4/5/6 novembre 2016 - Chiostro "Nina Vinchi" - Piccolo Teatro Grassi - Milano

Donne della realta's Blog

Dove sono finite le donne che lavorano, che studiano, che coltivano i sogni con la fatica, che cercano di non piegarsi alla precarietà?

unaeccezione

... avessi più tempo sbaglierei con più calma.

agoradellavoro

Per incontrarsi, ribellarsi, progettare. Accade a Milano

blogcartebollate

il blog di CarteBollate

il ricciocorno schiattoso

ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

Impariamo la Costituzione

un articolo a settimana

Rage against the world

Noi vogliamo uguaglianza con ogni mezzo necessario

slanthings

we live in an age when unnecessary things are our only necessities

the POP CORNERS

Pop corn d'angolo

Se Non Ora Quando Milano

Se non le donne chi?

RIHLA SAIDA

photoblog of a restless wanderer

Libreria delle Donne Bologna

"C'è tutto ciò che c'è quando ha tutto ciò che ha dove c'è quello che c'è" (G. Stein)

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

giustizia mediazione civile

giustizia e mediazione civile

cronichlesofmari

the open diary of mari key

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: