Sakineh, la beffa del regime

A casa solo per la confessione tv sul luogo del delitto. Press Tv trasmetterà stasera e domani il programma registrato nella casa di Ashtiani: la notizia del rilascio era falsa

TEHERAN (10 dicembre) – Sakineh Mohammadi Ashtiani, la donna iraniana condannata alla lapidazione per adulterio e per complicità nell’omicidio del marito, non è stata liberata, ma solo condotta nella sua casa a Tabriz per essere intervistata dalla tv nazionale «sulla scena del delitto». È quanto scrive questa mattina il sito di Press Tv, dopo che ieri sera il Comitato internazionale contro la lapidazione aveva diffuso la notizia della sua liberazione, pubblicando sul web alcune foto della donna e di suo figlio – anche lui arrestato – nel giardino di casa.

«Contrariamente a una vasta campagna dei media occidentali, in base alla quale la rea confessa per omicidio, Sakineh Mohammadi Ashtiani, sarebbe stata rilasciata, una troupe televisiva di Press Tv (il canale in lingua inglese della tv di stato, ndr) ha organizzato con le autorità giudiziarie iraniane un programma nella casa della Ashtiani, per produrre un racconto del suo crimine sulla scena del delitto», spiega il sito. Il racconto sarà trasmesso durante il programma ‘Iran Today’, in onda alle 21.35 di oggi (ora italiana) e poi ritrasmesso sabato per tre volte. L’obiettivo dichiarato è quello di «far luce» sulla vicenda, con una serie di interviste a Sakineh (accusata tra l’altro di complicità nell’omicidio del marito), al figlio Sajjad Qaderzadeh e all’avvocato Javid Hutan Kian. Anche questi ultimi due si trovano agli arresti dal 10 ottobre per aver rilasciato un’intervista a due giornalisti tedeschi, finiti anche loro in manette con l’accusa di spionaggio. Il Comitato internazionale contro la lapidazione aveva annunciato ieri anche la loro scarcerazione.

Press Tv parla di «motivazioni politiche dietro gli sforzi occidentali di propaganda in merito alla sentenza contro Mohammadi Ashtiani». Questi sforzi, secondo l’emittente, «sono parte della campagna occidentale per minare l’establishment della Repubblica Islamica». Il sito infine ricorda che Sakineh è stata giudicata colpevole dell’omicidio del marito, Ibrahim Qaderzadeh, in complicità con un uomo, Isa Taheri, di cui era l’amante. La donna è stata già condotta per due volte di fronte alle telecamere della tv di stato per confessare i suoi reati. Nella notte il Comitato internazionale contro la lapidazione ha precisato di «essere stato informato mercoledì» della possibile «liberazione imminente» di Sakineh, sottolineando come le immagini pubblicate ieri «dessero l’impressione» che la donna fosse stata effettivamente rilasciata insieme al figlio, Sajjad Qaderzadeh. «Ma l’annuncio della loro liberazione non è stato confermato dalla Repubblica iraniana», sottolinea il Comitato, ricordando come sin «dall’inizio della vicenda» di Sakineh «informazioni contraddittorie siano circolate sulle agenzie di stampa iraniane».
da il Messaggero 10 dicembre 2010

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: