Hilton Hotel: dite no alla tratta del sesso

La famosissima catena alberghiera Hilton potrebbe essere complice nella tratta delle schiave del sesso. Gli alberghi sono fra i principali crocevia in questo commercio dell’orrore, ma l’Hilton si rifiuta di firmare un codice internazionale di condotta contro la tratta del sesso. Costruiamo una megapetizione e consegnamola al Presidente dell’Hilton attraverso paginate di giornali nella sua città:

E’ da non crederci. Hilton, una delle catene alberghiere più famose al mondo, potrebbe risultare complice nello sfruttamento sessuale di minori nelle sue stesse strutture! Gli alberghi sono fra i primi posti dove i bambini schiavi vengono venduti per fini sessuali da brutali magnaccia. E l’Hilton non ha neanche firmato il Codice di condotta internazionale che costringe gli alberghi ad addestrare il suo staff a individuare, denunciare e assistere le bambine e le donne vittime dell’industria del sesso. L’apporto dell’Hilton su questo sarebbe enorme: se loro firmassero il Codice, si creerebbe un network di dipendenti della catena Hilton in 77 paesi e 32.000 alberghi al lavoro contro la tratta del sesso delle donne e dei bambini.

Non c’è tempo da perdere nel fermare questo commercio dell’orrore. Firma la petizione indirizzata all’Hilton per adottare il Codice di condotta per la protezione dei bambini dallo sfruttamento sessuale sul lavoro e nel turismo. Appena toccheremo le 250.000 firme, acquisteremo intere pagine sui principali giornali di McLean in Virginia (la città negli Stati Uniti dove il Presidente dell’Hilton Chris Nassetta vive e lavora): http://www.avaaz.org/it/hilton_sign_now/?vl

Il Codice di condotta dell’ECPAT per la protezione dei bambini dallo sfruttamento sessuale sul lavoro e nel turismo fa sì che gli alberghi addestrino il loro staff a riconoscere le vittime della tratta del sesso e della prostituzione minorile, educhino i loro clienti riguardo ai pericoli del turismo sessuale e cooperino con le forze dell’ordine del luogo e sostengano i diritti delle vittime. Il sistema funziona perché crea una prima linea di difesa contro il traffico sessuale in tutto il mondo. A oggi, il Codice riguarda 30 milioni di turisti l’anno: crescono così le possibilità di arrestare i magnaccia responsabili della tratta e di aiutare le vittime.

Dopo che erano stati scoperti dei bordelli negli alberghi dell’Hilton in Irlanda e in Cina, in migliaia hanno scritto alla catena alberghiera per protestare, e l’Hilton ha riconosciuto la necessità di rispondere al problema della prostituzione infantile. Tuttavia, a oggi non ha fatto niente di concreto. Facendo vergognare il Presidente dell’Hilton Nassetta nella sua città con una marea di paginate sui giornali e chiedendogli di adottare il Codice, potremmo costringere lui e i suoi dipendenti a proteggere i bambini in tutto il mondo nel modo più efficace possibile.

Capiterà alla maggior parte di noi di dover alloggiare in un albergo: chi di noi potrà sentirsi a proprio agio a stare in una stanza dove, lì vicino, ragazze minorenni sono vendute a uomini con cui saranno costrette a fare sesso? Il turismo sessuale che sfrutta le donne e le bambine beneficia degli operatori alberghieri che voltano lo sguardo dall’altra parte o che vengono pagati per fare finta di niente. Abbiamo bisogno di alberghi che applichino politiche di tolleranza zero contro lo sfruttamento sessuale minorile nelle loro strutture. A oggi, oltre 900 compagnie in tutto il mondo hanno firmato il Codice. Le catene alberghiere Radisson e Country Inn & Suites hanno già firmato il Codice. L’Hilton è sotto pressione per aggregarsi. Clicca sotto per spronare l’Hilton a partecipare nella battaglia contro la tratta del sesso: http://www.avaaz.org/it/hilton_sign_now/?vl

Ogni giorno centinaia di ragazze in tutto il mondo sono schiavizzate sessualmente. Il nostro appello globale per la responsabilità e l’addestramento nella catena alberghiera più grande del mondo può infliggere un segno profondo a questo vile commercio.

Con speranza, Alice, Emma, Graziela, Ricken e il resto del team di Avaaz.

FONTI:

Chiedi alla catena alberghiera Hilton di prevenire la prostituzione minorile nei loro alberghi (in inglese): http://www.change.org/petitions/view/tell_hilton_to_prevent_child_prostitution_in_their_hotels

Operazione “lanterne rosse”: campagna contro le lucciole cinesi http://www.corriere.it/esteri/10_settembre_03/lucciole-cina-lanterne-rosse-io-donna_abaf26fc-b761-11df-b2c1-00144f02aabe.shtml

Donne arrestate nel “bordello” dell’Hilton (in inglese): http://www.herald.ie/national-news/women-arrested-in-hilton-brothel-1435317.html

Le bambine sono costrette a prostituirsi non più per le strade, ma negli alberghi e club: http://www.ecpat.it/index.php?option=com_content&view=article&id=49%3Aprostituzione-minorile&catid=38%3Atemi-di-intervento&Itemid=59

L’albergatore agisce contro la prostituzione minorile (in inglese): http://news.bbc.co.uk/2/hi/asia-pacific/2780957.stm

Nuovi modi per prevenire la prostituzione minorile (in inglese): http://www.ajc.com/opinion/new-ways-to-prevent-524077.html

Sostieni il nostro lavoro! Avaaz.org è un’organizzazione no-profit indipendente che non riceve finanziamenti da governi o grandi imprese, quindi la tua donazione è di fondamentale importanza per il nostro lavoro.

CHI SIAMO Avaaz.org è un’organizzazione no-profit e indipendente con 5,5 milioni di membri di tutto il mondo, che lavora con campagne di sensibilizzazione in modo che le opinioni e i valori dei popoli del mondo abbiano un impatto sulle decisioni globali. (Avaaz significa “voce” in molte lingue.) Avaaz non riceve fondi da governi o aziende ed è composta da un team internazionale di persone sparse tra Londra, Rio de Janeiro, New York, Parigi, Washington e Ginevra. +1 888 922 8229Non dimenticare di andare a vedere le nostre pagine: Facebook, Myspace e Bebo.Per metterti in contatto con Avaaz scrivi a info@avaaz.org oppure invia una lettera al nostro ufficio di New York: 857 Broadway, 3rd floor, New York, NY 10003 U.S.A. Se incontri difficoltà tecniche vai al sito http://www.avaaz.org/it.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...