Teheran insulta Carla Bruni. Tutti zitti, nessuno s’indigna

I giornali iraniani danno della “prostituta” alla signora Sarkozy. La sua colpa: essersi schierata contro la lapidazione di Sakineh

di Fiamma Nirenstein

In altri tempi sarebbe stata una dichiarazione di guerra: non si è mai dato di prostituta alla moglie di un re, di un primo ministro o un presidente di un Paese straniero, e nemmeno all’anima gemella di un qualsiasi uomo di onore senza che, nella storia e nella letteratura, questo creasse reazioni di sdegno popolare, diplomatico, ritiro di ambasciatori, duelli, cazzotti…

Invece Carla Bruni, per aver difeso la vita di Sakineh Mohammadi Ashtian, la donna iraniana condannata alla lapidazione, dicendo che «la Francia non abbandonerà la signora Mohammadi Ashtiani madre di famiglia di 43 anni» si è vista trattare da «prostituta» prima da un giornale conservatore di Teheran, Kayhan, poi da un sito internet vicino al governo, e infine dalla televisione iraniana, senza nessuna reazione significativa, né diplomatica, né personale.

Eppure i ripugnanti testi dicono che la Bruni, e anche la famosa attrice Isabelle Adjani, hanno una comprovata fama di prostitute, e che per questa vicinanza morale difendono Sakineh, una delinquente licenziosa come loro. Il duello è in vista? No, non si muove nulla, nessun intellettuale, ministro, governo, nessun funzionario dell’Unione europea. Eppure, guardiamo che le dicono: la first lady francese sarebbe «una attrice e una cantante depravata che è riuscita a disgregare la famiglia Sarkozy e a sposare il presidente francese» e che «gli antecedenti mostrano chiaramente perché questa donna immorale abbia dato il suo sostegno a una donna condannata per aver commesso adulterio e accusata (accusa aggiunta dal tribunale a quella originale quando la critica internazionale si era fatta insostenibile, ndr) di aver preso parte all’omicidio del marito». Insomma, in una parola, ma una parola islamista, la signora Sarkozy, secondo i media iraniani essendo come Sakineh una prostituta, altro non è che una donna che merita la lapidazione. È una fatwa sessuale. Non soltanto gli è dato di prostituta, ma è anche indicata, in base al ragionamento e alla logica religiosa che accompagna l’accusa, come una persona che merita la morte.

Più in grande: tutte le donne che difendono oggi l’iraniana Sakineh sono spinte da un istinto perverso e lascivo, sono prostitute da lapidare. A questo punto, inghiottire le accuse a Carla Bruni è evidentemente un pericolo e un’umiliazione per tutte le donne. Vorremmo che ci fossero durissime reazioni anche ufficiali in difesa della signora Bruni-Sarkozy contro la feroce, pericolosa volgarità iraniana, sempre più contagiosa nel discorso internazionale in cui ormai il mondo islamista estremo va in giro minacciando di morte i suoi supposti nemici, in cui ogni discorso interreligioso è abolito dall’imperialismo della sharia (prima Osama bin Laden che dichiara guerra ai «crociati e agli ebrei», poi il presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad che invita il presidente degli Stati Uniti a convertirsi, adesso il colonnello Muammar Gheddafi in visita in Italia che vuole rendere islamica l’Europa, tutto con sguaiata aggressività): la first lady francese ha tutto il diritto, come lo abbiamo tutti noi, a ritenere che la lapidazione sia parte di una barbarie che rifiutiamo, ha diritto, ed è anzi coraggioso da parte sua in quanto moglie di un presidente, di cercare di salvare Sakineh.

È la solita paura di un ignoto aggressivo, irrazionale, imprevedibile, ciò che impedisce di spiegare con determinazione all’Iran che non deve osare attaccare così la Francia che la signora Carla Bruni la rappresenta in quanto first lady. Non abbiamo lasciato, alla fine, che l’Iran entrasse a far parte, con tutto quello che fa alle donne, della Commissione delle Nazioni Unite per la condizione delle donne?

Che la Bruni piaccia di più o di meno, essa è una di noi, è in tutto occidentale, con la gonna corta, il lavoro di cantante, i suoi passati fidanzati, la sua passione evidente per la libertà.

Tutto questo non ha nulla a che fare con la moralità: ha invece moltissimo a che fare con la decenza di combattere per salvare l’iraniana Sakineh dalla lapidazione.

da Il Giornale del 31 agosto 2010

Una Risposta

  1. Ce ne vuole a lapidare milioni di donne. Perchè saremo milioni di prostitute, TUTTE noi sosteniamo Sakineh e ci batteremo contro la lapidazione di questa donna e affinche tutte le donne non subiscano violenza.
    Fiere di essere puttane indecorose e libere unite per difendere la nostra libertà e le nostre sorelle!! Basta violenza sulle donne, dovrebbe nascere una guerra contro questo schifo, mentre nessuno fa qualcosa di reale, ciò vuol dire che anche l’occidente è fatto di maschilisti e integralisti che se ne infischiano delle donne.

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

#SFF2016

4/5/6 novembre 2016 - Chiostro "Nina Vinchi" - Piccolo Teatro Grassi - Milano

Donne della realta's Blog

Dove sono finite le donne che lavorano, che studiano, che coltivano i sogni con la fatica, che cercano di non piegarsi alla precarietà?

unaeccezione

... avessi più tempo sbaglierei con più calma.

agoradellavoro

Per incontrarsi, ribellarsi, progettare. Accade a Milano

blogcartebollate

il blog di CarteBollate

il ricciocorno schiattoso

ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

Impariamo la Costituzione

un articolo a settimana

Rage against the world

Noi vogliamo uguaglianza con ogni mezzo necessario

dubbi(e)verità

Dubbi e verità o Dubbie verità?

slanthings

we live in an age when unnecessary things are our only necessities

the POP CORNERS

Pop corn d'angolo

Se Non Ora Quando Milano

Se non le donne chi?

RIHLA SAIDA

photoblog of a restless wanderer

Libreria delle Donne Bologna

"C'è tutto ciò che c'è quando ha tutto ciò che ha dove c'è quello che c'è" (G. Stein)

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

giustizia mediazione civile

giustizia e mediazione civile

cronichlesofmari

the open diary of mari key

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: