Neomamma agli esami. «Voglio studiare ancora»

Il parto durante la maturità. «Sogno di fare l’ostetrica». Vedere nascere Martina mi ha cambiato la vita, sono diventata una persona migliore. Voglio essere un esempio per le mie coetanee, devono trovare la forza di tenere il bambino

di Paola D’Amico
Ha fatto gli scritti di maturità con il pancione. Gli orali, cullando la piccola Martina, appena nata, che dormiva nella carrozzina accanto a lei. Senza mai staccarsi dal suo cucciolo, che oggi ha 50 giorni, Marija Toskic ora si prepara ai test per l’ammissione all’ università: ex studentessa della Lindbergh Flying School di via Curtatone, ha accantonato il sogno di fare la hostess o il controllore di volo. «Era una scuola un po’ particolare e io l’unica ragazza su due classi quinte», spiega. Non quello di continuare a studiare. «Voglio diventare ostetrica», dice con un sorriso aperto. Marija, capelli lunghi neri, viso rotondo, occhi profondi, racconta di «essere rimasta stupefatta e commossa la mattina del parto» leggendo la sua storia in pillole sul giornale. «Era trapelata, chissà come». Ora, però, si augura che il suo esempio possa essere d’aiuto «alle coetanee – e ce ne sono – che rimangono incinte e non hanno la forza di tenere il bambino. Io ce l’ho fatta, perché mi sono stati vicini i miei parenti. E gli insegnanti mi hanno seguita ogni giorno e sostenuto nella mia scelta di far nascere Martina». La neomamma è quarta di cinque figli. I genitori, serbi, si sono trasferiti a Milano da Belgrado quando lei aveva tre anni. «Ho scoperto lo scorso ottobre di essere incinta. Ero con un’amica quando ho fatto il test. Spaventata per l’esito? Macché, ho provato un’emozione fortissima, una gioia indescrivibile. Non ci credevo. L’ho detto a mia sorella maggiore, solidale come non mai. Poi a mia madre, che mi ha solo pregato di non mollare la scuola. Ho sempre avuto bei voti e hanno fatto sacrifici per me. Ce l’ho fatta». Settanta su cento il voto finale. «Avrei potuto fare meglio, ma ci sono stati mesi non sempre facili durante la gravidanza». Martina l’ha cambiata, racconta. «Non è stato semplice andare a scuola con il pancione, ma è stata una lezione, non bisogna avere timore dei pregiudizi. Molte delle mie amiche si sono volatilizzate, come se io fossi una poco di buono. Invece, sono diventata un’altra persona, prima ero un po’ distaccata, freddina, mi sono sciolta, sono più dolce, sono cresciuta». E non è scappato il papà di Martina. «Anzi, quando gli ho detto che ero incinta, mi ha chiesto di sposarlo. Non avrei comunque rinunciato a Martina, anche a costo di crescerla da sola. Quello era il suo modo per dirmi di tenere il bambino. Oggi non ci siamo sposati ma viviamo insieme». In un minuscolo appartamento in viale Monza. Francesco, il papà, è più giovane di Marija di cinque mesi. «Martina ci ha portato fortuna. Lui ha preso la patente ed è passato da un lavoro part time in un supermercato a un tempo pieno. Io sono riuscita a diplomarmi. Non ci manca nulla. Le ragazze sbagliano a pensare di non avere più una vita se nasce un bimbo. È una seconda vita. Tutto si può fare, basta volerlo e non temere il (pre)giudizio degli altri».

dal Corriere della Sera del 21 agosto 2010

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

#SFF2017

SOUQ Film Festival - Sesta edizione

donnedellarealta.wordpress.com/

Donne della Realtà Blog

unaeccezione

... avessi più tempo sbaglierei con più calma.

agoradellavoro

Per incontrarsi, ribellarsi, progettare. Accade a Milano

blogcartebollate

il blog di CarteBollate

il ricciocorno schiattoso

ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

Impariamo la Costituzione

un articolo a settimana

Rage against the world

Noi vogliamo uguaglianza con ogni mezzo necessario

dubbi(e)verità

Dubbi e verità o Dubbie verità?

slanthings

we live in an age when unnecessary things are our only necessities

the POP CORNERS

Pop corn d'angolo

Se Non Ora Quando Milano

Se non le donne chi?

RIHLA SAIDA

photoblog of a restless wanderer

Libreria delle Donne Bologna

"C'è tutto ciò che c'è quando ha tutto ciò che ha dove c'è quello che c'è" (G. Stein)

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

giustizia mediazione civile

giustizia e mediazione civile

cronichlesofmari

the open diary of mari key

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: