Islanda, legalizzate le nozze gay e la premier sposa la sua compagna

Il matrimonio celebrato subito dopo il sì alla legge. Madre di due figli ormai adulti, la Sigurdardottir era già unita civilmente dal 2002

di Paolo G. Brera
Oggi spose, senza troppi convenevoli. La premier islandese Johanna Sigurdardottir, ex hostess amatissima dal suo popolo eletta primo ministro a febbraio dello scorso anno, ha inaugurato ieri la nuova legge che consente di celebrare matrimoni omosessuali sposando ufficialmente la sua storica compagna, Jonina Leosdottir, con la quale si era già unita civilmente nel 2002. Nessuna cerimonia solenne, solo un paio di firme su un documento che chiede, e automaticamente ottiene, la conversione in matrimonio dell’unione civile.
Il sogno per cui decine di migliaia di coppie italiane si battono da anni, la legalizzazione del matrimonio omosessuale, è diventato realtà ieri in Islanda con la conversione in legge del testo approvato il 12 giugno all’unanimità dal parlamento. La legge sancisce che le unioni civili omosessuali, regolarmente previste da anni nella legislazione del paese nordico, possano essere trasformate in un normale matrimonio con la semplice presentazione della domanda. Ed è ciò che hanno deciso di fare ieri il primo capo di governo al mondo dichiaratamente omosessuale e sua moglie Jonina.
Johanna Sigurdardottir, classe 1942, ex ministro degli Affari sociali fino alla nomina a premier, ha due figli con il precedente marito, Porvaldur Steinar Johannesson, sposato nel 1970. Dopo il divorzio si è innamorata di Jonina, l’autrice e sceneggiatrice più giovane di dodici anni con cui celebrò nel 2002 un’unione civile.
L’Islanda non è il primo paese europeo in cui sono legittimati i matrimoni gay: fu la Danimarca, prima al mondo a varare nel 1989 una legge che consentiva le unioni civili tra omosessuali con diritti e doveri identici a quelli delle coppie etero. Ci vollero dieci anni per arrivare ai pacs varati in Francia nel 1999, e nel 2001 l’Olanda legalizzò i matrimoni gay. Persone dello stesso sesso si possono sposare anche in Finlandia e in Norvegia, e persino in cinque stati degli Stati Uniti. In Svezia è possibile celebrare le nozze in chiesa, e in Spagna adottare un bambino.
Johanna Sigurdardottir è stata presidente dell’Associazione delle hostess islandesi e sindacalista, prima di iniziare una vera carriera politica che la portò a essere eletta vice presidente del Partito social democratico nel 1984, una carica che detenne fino al 1993.
da la Repubblica 28 giugno 2010

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

#SFF2016

4/5/6 novembre 2016 - Chiostro "Nina Vinchi" - Piccolo Teatro Grassi - Milano

Donne della realta's Blog

Dove sono finite le donne che lavorano, che studiano, che coltivano i sogni con la fatica, che cercano di non piegarsi alla precarietà?

unaeccezione

... avessi più tempo sbaglierei con più calma.

agoradellavoro

Per incontrarsi, ribellarsi, progettare. Accade a Milano

blogcartebollate

il blog di CarteBollate

il ricciocorno schiattoso

ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

Impariamo la Costituzione

un articolo a settimana

Rage against the world

Noi vogliamo uguaglianza con ogni mezzo necessario

dubbi(e)verità

Dubbi e verità o Dubbie verità?

slanthings

we live in an age when unnecessary things are our only necessities

the POP CORNERS

Pop corn d'angolo

Se Non Ora Quando Milano

Se non le donne chi?

RIHLA SAIDA

photoblog of a restless wanderer

Libreria delle Donne Bologna

"C'è tutto ciò che c'è quando ha tutto ciò che ha dove c'è quello che c'è" (G. Stein)

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

giustizia mediazione civile

giustizia e mediazione civile

cronichlesofmari

the open diary of mari key

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: