Art. 18: vicende esemplari

Pala Ciccioli con Alessandro Quasimodo a Balatonfured

Ci sono vicende che più di ogni altra cosa illustrano in modo davvero chiaro quale sia la posta in gioco attorno all’art. 18 dello Statuto dei lavoratori.

Una di queste è senza dubbio quella di Paola Ciccioli, giornalista di Panorama, licenziata per aver esercitato il proprio legittimo diritto di critica nei confronti del direttore di questa rivista. Messa da molto tempo ai margini della redazione nonostante le sue indubbie capacità professionali, questa giornalista è stata licenziata in tronco dopo vent’anni di servizio per criticato le scelte organizzative del  direttore della rivista, Giorgio Molé, affermando, in una comunicazione rivolta alle strutture sindacali interne all’azienda, che costui  “non conosce la vergogna”. La Federazione nazionale della stampa ha giustamente condannato il licenziamento, affermando trattarsi di iniziativa sconcertante, inaudita e paradossale.

Una vicenda che  illustra qual è la vera posta in gioco attorno all’art. 18 e alle garanzie contro i licenziamenti. Abolire ogni possibile libertà di opinione di lavoratrici e lavoratori trasformandoli in sudditi silenziosi ed impauriti.

Il diritto di critica deve spettare ad ogni lavoratore e lavoratrice. Infatti gli abiti di cittadino non si dismettono per indossare la casacca dello schiavo quando si mette il piede in azienda, quale che essa sia. E a maggior ragione valgono quando si esercita tale diritto a tutela della collettività, come nel caso del macchinista Dante de Angelis licenziato dalle Ferrovie dello Stato per avere attirato l’attenzione su talune circostanze suscettibili di mettere a repentaglio la pubblica incolumità, come la carenza di manutenzioni e l’usura di talune linee ferroviarie. E del suo collega Riccardo Antonini, vittima di analoga sorte per aver svolto opera di consulenza tecnica alle famiglie delle vittime della strage di Viareggio. Licenziamenti che paiono dare dignità di principio non scritto alla legge dell’omertà, nel Paese noto nel mondo per aver inventato la mafia.

Nel caso dei giornalisti, poi, tale diritto di critica è addirittura insito nella funzione stessa, dato che l’indipendenza e la libertà di parola degli stessi sono immediatamente necessari all’applicazione e al funzionamento di una norma fondamentale come l’art. 21 della Costituzione.

E’ ad ogni modo oggetto di un interesse comune dei cittadini limitare l’arbitrio delle gerarchie per affermare, con la libertà di opinione e di critica e la garanzia del posto di lavoro, il diritto a una democrazia partecipativa che non si ferma di fronte alle mura dell’azienda, quale che essa sia. Un’altra dimostrazione della stretta connessione esistente fra diritti civili e politici, da un lato, e diritti economici, sociali e culturali, dall’altro. Diritti rispetto ai quali il nostro Paese sta precipitando, come già per la corruzione, la qualità dell’informazione e altri aspetti, verso i posti più bassi delle classifiche mondiali.

di Fabio Marcelli

Il Fatto Quotidiano del 12 aprile 2012

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

unaeccezione

... avessi più tempo sbaglierei con più calma.

agoradellavoro

Per incontrarsi, ribellarsi, progettare. Accade a Milano

blogcartebollate

il blog di CarteBollate

il ricciocorno schiattoso

ci sono creature fantastiche, ma è difficile trovarle

Rage against the world

Noi vogliamo uguaglianza con ogni mezzo necessario

Impariamo la Costituzione

un articolo a settimana

dubbi(e)verità

Dubbi e verità o Dubbie verità?

slanthings

we live in an age when unnecessary things are our only necessities

the POP CORNERS

Pop corn d'angolo

Se Non Ora Quando Milano

Se non le donne chi?

Libreria delle Donne Bologna

"C'è tutto ciò che c'è quando ha tutto ciò che ha dove c'è quello che c'è" (G. Stein)

Quello che può fare una donna in rete

Aspettare stanca

per una presenza qualificata delle donne in politica e nei luoghi decisionali

giustizia mediazione civile

giustizia e mediazione civile

cronichlesofmari

the open diary of mari key

SpazioTadini Blog

CASA MUSEO arte, cultura, eventi - Milano - via Jommelli, 24 tel. 0226829749

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.669 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: